Contenuto.

Francesco Pira intervistato da IO DONNA: I genitori non hanno la percezione dei pericoli che i figli corrono in rete

13/03/2016

http://www.iodonna.it/attualita/gallery/i-15-errori-che-i-genitori-dovrebbero-evitare-sui-social-net

Il sociologo, Francesco Pira, docente di comunicazione all’Università di Messina e alla IUSVE di Venezia, in una lunga intervista viaggio firmata dall’autorevole giornalista di IO DONNA, il femminile del Corriere della Sera, ha parlato dei pericoli che pre-adolescenti e adolescenti corrono in rete, ma anche di come i genitori devono comportarsi per non dare brutti esempi ai figli.

I 15 errori che i genitori dovrebbero evitare sui social network

Una ricerca lancia l'allarme: i bambini vanno in ansia perché mamma e papà postano foto di famiglia senza permesso, mandano sms mentre guidano e non solo. In Francia, chi posta immagini di minori (anche propri) rischia il carcere. Da noi, la polizia postale allerta contro il rischio-pedofili: la metà dei materiali che circola in rete è presa dai profili di Facebook & Co. Con l'aiuto del sociologo, ecco la guida al web per chi ha figli.

di Candida Morvillo

Sono parecchi gli errori che i genitori dovrebbero evitare usando i social network e i telefonini. L’allarme arriva da una ricerca delle Università di Washington e del Michigan, dalla quale emerge che i figli fra i 10 e i 17 anni sono preoccupati dall’eccessiva condivisione di foto e informazioni sulla famiglia da parte di madri e padri. I ragazzini preferirebbero anche che i genitori non mandassero sms e WhatsApp mentre guidano, onde evitare pericoli, e che tenessero i telefoni spenti a tavola, dedicando loro più attenzione. Il campione è piccolo: sono 249 le famiglie testate, in 40 Stati d’America, ma il problema è vasto, al punto che, in Francia, una nuova legge sulla privacy dei minori prevede che i genitori possano diffondere foto dei figli solo col loro consenso, pena un anno di detenzione o una multa da 35 mila euro. In Italia, poche settimane fa, la Polizia Postale ha pubblicato un avviso online invitando le mamme a non postare foto dei figli: «Non divulgate le loro foto in Internet. O quanto meno, abbiate un minimo di rispetto per il loro diritto di scegliere, quando saranno maggiorenni, quale parte della propria vita privata condividere», diceva l’annuncio. E continuava così: «Considerate che oltre la metà delle foto contenute nei siti pedopornografici provengono dalle foto condivise da voi».

Il sociologo Francesco Pira.

Mai prendere lezione dai “mobile born”
«I genitori non hanno la percezione dei pericoli che si corrono su Internet», conferma il professore Francesco Pira, sociologo, docente di Comunicazione e Giornalismo all’Università di Messina e di Comunicazione Pubblica e d’Impresa presso allo Iusve di Venezia e Verona. Nel suo ultimo libro, Social Gossip (edito da Aracne, scritto con la collega sociologa Antonia Cava), un capitolo è dedicato alle nuove generazioni social, dove i “nativi digitali” sono già stati superati dai “Mobile Born”, completamente immersi nell’universo digitale.

«Il primo errore che commettono i genitori riguardo alle tecnologie», osserva Pira, «è prendere lezioni di tecnologie dai figli, ponendosi in una posizione che fa loro perdere autorevolezza e crea uno squilibrio diseducativo».

 

Apocalittici o (mal) integrati
Il secondo errore fatale arriva subito dopo aver imparato i rudimenti dai bambini… Osserva Pira: «Quando tengo conferenze su questo tema nelle scuole medie e superiori, incontro due categorie di genitori. Parafrasando Umberto Eco: gli apocalittici e gli integrati. Ovvero: o all’oscuro di tutto o eccessivamente tecnologici. Ma questi ultimi commettono spesso gli errori di tanti principianti, abusando dei nuovi mezzi. E così facendo, finiscono per dare il cattivo esempio ai figli».
Sarà difficile infatti, riuscire a pretendere dai figli che non passino tutto il loro tempo su Facebook o sulle chat se questo è quello che noi stessi facciamo appena abbiamo un attimo. Sarà impossibile convincerli a non postare le foto degli amici senza il necessario consenso altrui, se anche noi commettiamo la stessa leggerezza. Sarà impossibile convincerli a non condividere immagini e video imbarazzanti se noi siamo i primi a far circolare le loro foto con le mani nella marmellata o le dita nel naso.

Il libro dei sociologi Pira e Cava sui social: parla anche dei mobile born.

Pedofili e bulli in agguato
«Molti adulti sottovalutano le conseguenze di quello che scrivono o condividono sui social riguardo ai loro figli. Non si rendono conto di fornire materiali ai pedofili o di esporre bambini e ragazzini allo scherno e alle vessazioni del cyberbullismo», osserva Pira. «Viviamo in una società fondata sui figli unici, ormai accecata dalla voglia di rivendicare la propria genitorialità. Si comincia pubblicando la prima ecografia, si prosegue con la prima foto del neonato, del primo dentino, delle marachelle e così facendo si ruba la quotidianeità ai figli».

Le temibili “chat delle mamme”
In qualunque scuola vada, Pira incontri docenti sconsolati per l’invasività delle cosiddette “chat delle mamme”. Chi ha figli ha ben presente quei gruppi di WhatsApp dove possono arrivare centinaia di messaggini al giorno. «In classe, tutti i bambini e i ragazzi hanno ormai il telefonino e, in tempo reale, inviano messaggi a casa se prendono un brutto voto, se l’insegnante sgrida qualcuno eccetera. Immediatamente, la mamma in questione mette in circolo l’informazione sulla chat, scatenando reazioni a catena fra tutte le altre, molte delle quali iniziano a scrivere ai figli che sono in quel momento sui banchi. Quello delle mamme è diventato un occhio del Grande Fratello che segue i figli ovunque, specie in gita, e non si fa scrupolo di condividere la foto appena ricevuta col compagno di classe ubriaco, per esempio. Cosa che può gettare in paranoia un intero gruppo di gentiori». Ma come sottrarsi alla dittatura del WhatsApp delle mamme? «Basta darsi una sola regola: quella chat deve servire a supportare la scuola, non a contrastarla. Va usata con cautela, perché poche parole possono scatenare allarmi che si ingigantiscono e creano paure, discussioni e liti inutili e dannose».

Via d’uscita
Sostiene Pira che l’unico modo per sanare questa situazione è “mandare i genitori a scuola di genitorialità”: «In molti Paesi del Nord Europa lo fanno. Imparano competenze tecnologiche e insieme sociali. Mentre, in Slovenia, ho visitato una scuola con una psicologa nello staff, particolarmente attenta ai casi di cyberbullismo, più facili da essere intercettati a scuola che a casa. I ragazzi avevano imparato a rivolgersi a lei per dubbi, consigli, confronti emotivi, a volte difficili con professori e genitori».

1. Non postate foto dei vostri figli senza il loro consenso. I bambini e i ragazzini hanno diritto alla loro privacy e darli in pasto a un pubblico seppure selezionato di amici potrebbe avere conseguenze che non immaginiamo. «È come quando i ragazzini, fuori dalla scuola, chiedono alla mamma di non baciarli perché se ne vergognano con gli amici», spiega il sociologo Francesco Pira, «la loro può essere una vergogna ingiustificata, ma le conseguenze all’interno del gruppo possono essere faticose da sopportare. I bambini “mammoni”, per esempio, possono venir presi in giro e vessati dai bulli di turno».

2. Non postare foto di figli altrui senza il consenso dei loro genitori. Prima di pubblicare la foto di gruppo del compleanno del pargolo, pensate che altre mamme e altri papà potrebbero avere un senso della privacy più sensibile del vostro. Potrebbero non gradire che le foto dei loro figli vengano mostrate a degli estranei, che magari si mettono anche a commentarle. Se lo pensano, ne hanno tutto il diritto.

3. Non commentare foto e video dei figli altrui. Di fronte alla foto del pargolo altrui in ghingeri, un complimento ci sta. Ma è sconsigliabile criticare o prendere in giro bambini e ragazzini. Hanno le spalle meno forti di noi adulti. E certi commenti potrebbero risultare indelicati ai loro genitori.

4. Non prendere lezioni di tecnologia dai figli. Dopo i “nativi digitali” abbiamo i “mobile born”, bambini nati nella generazione degli smartphon, come spiega il sociologo Francesco Pira. «Il primo errore che commettono i genitori riguardo alle tecnologie», osserva Pira, «è prendere lezioni di tecnologie dai figli, ponendosi in una posizione che fa loro perdere autorevolezza e crea uno squilibrio diseducativo».

5. Vietato condividere foto imbarazzanti dei figli. Su Instagram c’è addirittura un canale dedicato ai disastri dei bambini (www.instagram.com/kidsaretheworst). Roba innocente, per lo più: scarabocchi sui muri, facce impasticciate di Nutella… Ma anche scatti infelici, come quello (sopra) della bambina che piange davanti alla sua torta di compleanno. Una foto come questa (con gli occhi oscurati da noi, non all’origine) espone la bimba allo scherno degli amichetti, può farla sentire vulnerabile anche rispetto a tutti gli adulti sconosciuti che su quella foto ci rideranno su. Su Instagram, sotto #childshaming, si possono trovare foto di figli mortificati dalla vergogna dopo essere stati messi in punzione, di solito seminascosti da cartelli genere “sono stato un asino e oggi niente IPhone”.

6. Vietato condividere foto nostre che possano mettere in imbarazzo i figli. La mamma col nuovo toyboy. Il papà separato che si scatena in discoteca con due sventole o si ubriaca. I genitori insieme in un video divertente ma grottesco, la mamma troppo sexy eccetera. Insomma, genitori “adultescenti”, così li definisce il sociologo Francesco Pira: «Sono i nuovi adulti che si comportano da adolescenti e trattano i figli da bambini adultizzati. Tutto parte dall’idea che possiamo essere amici dei figli, confidandoci con loro, facendoli entrare nella nostra vita intima. Magari nella speranza che loro facciano lo stesso con noi. Ma i figli hanno bisogno di separazione dei ruoli». Quanto alle foto e ai post imbarazzanti condivisi dai genitori, i preadolescenti e gli adolescenti sono feroci con gli adulti e nessun figlio ama vedere mamma o papà messi alla berlina dai propri amici che hanno pescato una foto inopportuna su Internet.

7. Non impostare profili pubblici. Lo fanno in tantissimi, sottovalutando il fatto che in questo modo davvero tutti possono avere accesso ai loro dati, facendo voyeurismo in casa nostra. E ci sono anche i malintenzionati che potrebbero monitorarci per furti in casa o peggio.

8. Non rilasciare informazioni sugli spostamenti della famiglia. Scrivere su una pagina Facebook che stiamo andando a portare i bambini alla palestra tal dei tali, che il figlio preadolescente sta giocando a pallone nella tal via eccetera, non è una buona idea. Mai trascurare i malintenzionati. Ed è il caso di monitorare le varie App con servizi di geolocalizzazione che consentono ad amici (o estranei) di sapere dove ci troviamo noi o i nostri figli.

9. Non aprire account Facebook a bambini troppo piccoli. L’età minima richiesta per iscriversi è 13 anni, ma molti genitori chiudono un occhio e aiutano i bambini a iscriversi anche a otto o nove anni, esponendoli a rischi incontrollabili.

10. Non pubblicare foto intime. Foto come quella qui sopra, con il bagnetto del bebè, suonavano innocenti e graziose fino a qualche anno fa, prima che l’album di famiglia finisse su Internet e diventasse terreno di caccia dei pedofili.  La foto del bagnetto del bebè può essere tenera, ma bisogna sapere che il 50 per cento del materiale pedopornografico che circola in rete proviene dai social ed è stato postato da ingenui genitori.

11. Non entrare in conflitto con il partner. Sull’uso dei social, in casa, bisogna avere una linea sola. Se la mamma vuole postare una foto di famiglia che il papà non gradisce, meglio far prevalere il principio più restrittivo. E, soprattutto, non discutere davanti ai figli.

12. Non usare il telefono a tavola. L’abuso di conversazione è una delle cose di cui i ragazzini si lamentano di più a proposito dei genitori. Se anche a tavola mamma e papà sono altrove, impegnati a chattare, a rispondere a sms o chiamate, risulta poi difficle pretendere che i figli facciano un uso più parco del telefono.

13. Non mandare messaggi mentre si guida. Crea molto allarme nei figli, a giudicare da una ricerca delle Università di Washington e del Michigan. E forse anche noi non vorremmo che, una volta patenti, i nostri figli si distraggono al volante con lo smartphone.

14. Non usare il Whats App delle mamme per sobillare. I gruppi delle mamme di una stessa classe possono fare molti danni. Basta che uno faccia circolare una lamentela su una maestra per scatenare un polverone infondato, spesso coinvolgendo in uno psicodramma il bambino che ha riferito la cosa. Con adolescenti e preadolescenti in gita si tocca il picco dell’allarme: ci sono genitori che se ricevono un messaggio triste o preoccupato dai figli, lo fanno subito circolare creando paranoia a catena fra i genitori che sono già in ansia per la lontananza dalla prole.

15. Non aggiungere i figli ai propri “amici” social. Se abbiamo amici che usano Facebook o affini per raccontarci i fatti loro, è bene che i nostri figli non abbiano accesso al nostro profilo. Non sempre i bambini e gli adolescenti hanno gli strumenti per accedere alle conversazioni fra adulti.


Archivio

12/11/2018
Fake News - Allarme nel mondo
11/10/2018
Francesco Pira: Tra cattiva informazione e fake news
23/09/2018
La visita di Francesco in Sicilia: per tutti è ora Papa Ciccio
17/09/2018
Papa Francesco, il suo sorriso e la verità silenziosa
29/08/2018
La convinta battaglia dell’avvocato Nicodemo Gentile a favore dei reclusi
24/04/2018
Per favore lasciate in pace Franco Battiato
23/04/2018
Se l’Ostia conscrata arriva con Fratello Drone
22/04/2018
Il nostro vero e unico amico Mark
21/04/2018
Lanciamo la campagna Smartphone adotta un Libro
18/03/2018
Al Sud e in Sicilia è rebus: chissà la mafia per chi avrà votato alle politiche
17/03/2018
Con Netwa su Whatsapp ci possono spiare
06/03/2018
Tra urla, spot e live su Facebook: è finita l’oscena campagna elettorale 2018
06/02/2018
Tempo di Quaresima, digiuno da Whatsapp
05/02/2018
Siamo rovinati su Whatsapp arrivano i videomessaggi veloci
04/02/2018
Se i selfie aiutano a diffondere i pidocchi
03/02/2018
L'anima gemella la trovi con un’App
02/02/2018
Arriva il Direttore della felicità
01/02/2018
Chi di drone ferisce, di drone perisce
31/01/2018
Il trucco diventa virile grazie al web
30/01/2018
Pronta l’auto telepatica. Guideremo con il pensiero
29/01/2018
Anche la chirurgia estetica per i cammelli
28/01/2018
Auschwitz rileggere il passato per educare al rispetto della vita
13/01/2018
Da Carmencita a Cecilia, Galeotto fù il caffe
12/01/2018
Natale 4.0, selfie con l'Albero e Presepi viventi in diretta web
11/01/2018
Copiamo i cinesi: Scanner facciali contro i furti di carta igienica
10/01/2018
Anche sotto la doccia con lo smartphone
09/01/2018
Quelle nonne apocalittiche o integrate
08/01/2018
Connessioni Emotive: bello guardarsi negli occhi
06/11/2017
Quel tatuaggio proprio lì che spopola su Instagram
05/11/2017
Mogol, nessuno come lui sa raccontare l'amore
05/11/2017
Il trionfo di Edoardo Bennato in Sicilia… l’Isola che c’è!!!
29/10/2017
Gli amori che nascono sul web durano di più
28/10/2017
Quel video scabroso finito sul gruppo whatsapp delle mamme
27/10/2017
Guardiamo il display dello smartphone ottanta volte al giorno
11/10/2017
Adesso anche lo smartphone anti-zanzare
10/10/2017
Se i figli geolocalizzano i genitori
09/10/2017
Quella strana voglia di chattare ovunque e comunque
08/10/2017
Quello smartphone onnipresente con noi anche a tavola
07/10/2017
Scuola 3.0: chattare sotto il banco nelle ore di lezione
13/09/2017
Inizia la scuola e riparte l'ossessione dei gruppi Whatsapp delle mamme
05/09/2017
Una App per ascoltare musica dai tatuaggi
04/09/2017
Quello smartphone onnipresente con noi anche a tavola
03/09/2017
In acqua con lo smartphone, si conversa meglio
02/09/2017
Non possiamo vivere senza Whatsapp
01/09/2017
Instagram, chissà se basterà il filtro contro gli insulti
21/07/2017
Ecco perché mi è impossibile dimenticare il giudice Paolo Borsellino
06/07/2017
Chiesa 4.0 La liturgia in un'app
05/07/2017
Fornacella addio, ora il Barbecue ha il termometro digitale wireless
04/07/2017
Quei bambini senza palette e secchielli
03/07/2017
Messaggio inopportuno? Whatsapp te lo fa cancellare
02/07/2017
Se le chewing gum non si vengono per colpa dello smartphone
01/07/2017
Le nostre giornate in diretta social
16/05/2017
Marinano la scuola, fanno sesso per strada e finiscono su Facebook
15/05/2017
Se il Grande Fratello controlla il frigobar
14/05/2017
Telepatia, pensare un post e dettarlo su Facebook
26/04/2017
Licata, il Primario di Ortopedia Dr. Antonino Catanese lascia l’Ospedale: “grazie, sono stato un uomo fortunato”
25/04/2017
Tatuaggio in latino, ci vuole il consulente
19/04/2017
Il campionato di citazioni colte
19/04/2017
Quel messaggio si autodistruggerà
31/03/2017
Il medico licatese dottor Fabio Castiglione è il migliore giovane urologo europeo
30/03/2017
Il campionato di citazioni colte
16/03/2017
L’analisi storico-archeologica di Licata in un prezioso volume del giovane archeologo Alessio Toscano Raffa
15/03/2017
La paura dei tradimenti che nascono su Whatsapp
15/03/2017
I nostri ragazzi maledettamente Social
13/02/2017
Quel dialogo tra sordi con il Bancomat
04/02/2017
La chat delle mamme e di papà e la vetrinizzazione dell’identità
26/01/2017
Se ci fidiamo più di Google, Facebook che del medico
24/01/2017
Quegli audiomessaggi in vernacolo su Whatsapp
10/01/2017
Zygmunt Bauman valori solidi in una società liquida
09/12/2016
Il libro/ Il Capo di Cosa Nostra che amava parlare poco
17/10/2016
Violenza sulle donne, sei gli omicidi sono solo numeri sui media e sui social
03/09/2016
Campagna Fertility day: fare figli è di destra e il profilattico di sinistra
28/07/2016
Le paure, i demoni e la morte che va in scena
28/07/2016
Le paure, i demoni e la morte che va in scena
20/07/2016
Ecco come ricordo il giudice Paolo Borsellino
19/05/2016
Quei selfie sui binari e la rappresentazione social del sé
25/04/2016
Francesco Pira intervistato da ADCOMMUNICATIONS: “Oggi il gossip non ha confini di spazio e di tempo”
19/04/2016
Huffington Post Usa dedica un ampio articolo sul libro Social Gossip di Francesco Pira e Antonia Cava
13/03/2016
Francesco Pira intervistato da IO DONNA: I genitori non hanno la percezione dei pericoli che i figli corrono in rete
24/02/2016
Mamme e bimbi su Facebook, l’allarme della Polizia. Superficialità o esibizionismo?
12/02/2016
Tokio, il tenore Vittorio Terranova nella galleria dei big della musica mondiale all'Hotel Imperial
04/02/2016
Dai cortili agli smartphone il passo è lungo
05/01/2016
Quo vado? Est modus in rebus…
31/12/2015
Il mio ricordo di Sasà Morgana un medico e un rotariano speciale
03/12/2015
Se il terrorismo corre sui social network
03/11/2015
Il mio ricordo di Rosa Balistreri 25 anni dopo la sua morte
05/10/2015
Licata piange la scomparsa dell’avvocato Matteo Lus Granone, uno dei suoi figli migliori
07/09/2015
Se la foto del piccolo Aylan morto sulla spiaggia turca serve per riflettere…
28/08/2015
Genitori disperati: un figlio disabile grave, lei insegnante di ruolo a Milano, lui in Sicilia. Negata l’assegnazione provvisoria
17/08/2015
Vi racconto il mio Battiato
15/08/2015
Gegè Telesforo e gli Urban Fabula incantano il Club Nautico di Gela
29/07/2015
Stessa spiaggia e stesso mare…. ma con tablet e smartphone…
11/05/2015
Oltre la cronaca e i social. La morte per un amore malato
28/04/2015
Dino Zoff, quando incontri una leggenda
11/03/2015
L’amore non è prigioniero della rete…
05/12/2014
Sexting, pornografia minorile. Quella doppia violenza sul web
07/10/2014
Se la rete diventa il luogo del ricordo
01/09/2014
Il video della decapitazione sul web risponde a precisi interessi
26/08/2014
Il sacrificio di Enzo Baldoni
21/08/2014
Un milione di viste in 9 mesi. Un bel parto Tensivamente.it
11/07/2014
Se l’Eni fa le valigie, chi raccoglie i cocci?
12/05/2014
“Isolati si muore”, un magistrato combatte una guerra difficile contro la mafia
08/05/2014
Pizzul e Trap in Brasile per uno spot. Attenti a quei due….divertono
06/05/2014
Buoni esempi, cattivi esempi….
24/04/2014
Se il web ci fa diventare immortali
23/04/2014
Alessio Lo Prete un giovane artista dal gesto “aggressivo e violento”
08/04/2014
Dall’Uomo Windows ai Dementi Digitali
07/04/2014
In libreria “Le Isole Vagabonde” il nuovo racconto di viaggio di Giuseppe Sicari
19/01/2014
E pensare che…la nostra Costituzione…
03/01/2014
In libreria “Lo spostamento dei Cirri” il primo romanzo di Mary Gibilaro La vita vista da un faro tra dolore e amore
15/12/2013
In libreria “Stragi Parallele” il nuovo avvincente romanzo di Angelo Vecchio
20/11/2013
Due giovani artigiani inventano RTW Compact un dispositivo per risparmiare l’acqua calda
10/10/2013
Quei morti di Lampedusa…Il vissuto e il percepito
09/10/2013
Nasce un sito italiano sul Turismo astronomico. A progettarlo e metterlo in rete una siciliana
26/09/2013
Le nuove forme d’amore e il nostro “io nella rete”
27/08/2013
Enzo Baldoni. Un ricordo nove anni dopo l'uccisione
11/08/2013
Una notte sotto le Stelle di Agrigento sognando lo spazio
22/07/2013
Cosa ci lascia la visita di Papa Francesco a Lampedusa
12/07/2013
La nostra estate ipertecnologica
23/06/2013
I Digitali Nativi: alla scoperta dei Super Gufi
03/06/2013
Inquietudini, vizi e tormenti nella vita reale e virtuale
22/05/2013
Servono i social network per vincere le elezioni? Pensiamo di si.
15/03/2013
Papa Francesco, un umile comunicatore
20/01/2013
Elezioni 2013: I social network una realtà, la tv esiste ma è uno dei due schermi dei cittadini-elettori
03/12/2012
Cosa ci lasciano le primarie del PD
07/11/2012
Obama, il grande comunicatore vince anche per merito del web
22/08/2012
La Rete, le nuove o finte rivoluzioni e la crisi della democrazia rappresentattiva
17/07/2012
Alla ricerca del nuovo Napoleone Comunicatore
30/06/2012
Se il pettegolezzo viaggia sulla rete
16/06/2012
Dalla subpolitica all'antipolitica: sul Web protestiamo mentre ci forniscono quello che " ci piace"
22/05/2012
Amministrative e antipolitica: si può vincere o perdere con o senza i social network
06/05/2012
Anche i partigiani siciliani liberarono l'Italia
24/04/2012
La lotta al burocratese...ed i tre tipi di sindaci
14/04/2012
Sogni sullo smartphone? Ma il garante Pizzetti avvisa: sui socialnetwork occhio alla privacy, è a rischio
25/03/2012
Tra strategia e tattica, Napolitano, Monti e…i cittadini stanno a guardare
04/03/2012
Quaresima, il messaggio di Papa Benedetto XVI in quaranta tweet
26/02/2012
W la mamma
21/02/2012
Se Obama giura che la Campagna Elettorale del 2008 sembrerà preistorica
03/02/2012
La solitudine dei bambini: anche Peter Pan ha paura
22/01/2012
L’importanza di parlare ancora di dispersione scolastica e devianze adolescenziali in Sicilia
20/01/2012
Qualcuno affronti anche il pericolo Sexting
15/01/2012
Sono davvero i social network la nuova causa di tanti divorzi?
26/12/2011
Se è la gabbia che va a cercare l'uccello
19/10/2011
Le parole sono importanti
13/10/2011
Perché comunicare la Costituzione
12/10/2011
Le reti, le rivoluzioni e i tam tam planetari e il pensiero di Bauman
02/10/2011
Se il grande comunicatore confessa la sua paura
01/10/2011
Perché ci si può anche non vergognare dell’Italia…
18/09/2011
In sciame come le locuste…e il perché della doppia identità
17/09/2011
Il giornalismo on line...Tanta voglia di crescere…
11/09/2011
Ripartito il campionato. Quanta voglia del vecchio calcio!!!
09/09/2011
La democrazia che nasce sul web
31/08/2011
Riformismo e Rete: come (non) cambiare l'Italia
30/08/2011
Quando muore…un amico
24/08/2011
Tutte le forme d’amore cantate da ventenni…
23/08/2011
Quei cassonetti vuoti in un quadro possono essere buona comunicazione ambientale
03/08/2011
Sapore di sale, sapore di mare…che hai sull’IPad,…che hai sul Nintendo…
01/08/2011
Aldino, il figlio matto di Togliatti
27/07/2011
Ma chi te l’ha ordinato il dottore?
24/07/2011
Relazione aperta o coppia flessibile…
23/07/2011
L’era dell’Assenteismo Virtuale
22/07/2011
L’opposizione bipolare tra la rete e l’io
21/07/2011
I social network ci aiutano a combattere la solitudine…o no?