Contenuto.

Parla Nicola Calì, boss con “Il traditore” di Marco Bellocchio: “Il mio Riina è spietato”

04/07/2019

Articolo pubblicato su La Voce di New York

 

“La vita è tutta fatta di coincidenze”. Ha ragione José Saramago, indubbiamente. Ed allora proviamo a vedere perché. La prima coincidenza, la più banale, è che sono andato a vedere il film di Marco Bellocchio “Il Traditore”, unico film italiano in concorso per la Palma d’Oro al Festival di Cannes, cercando di non farmi condizionare dalle critiche, dalla standing ovation in Francia e dal fatto che però non aveva incassato nemmeno un premio. Sono andato a vedere il film nel cinema della mia città Licata, in provincia di Agrigento. A pochi chilometri, dal Castello di Falconara (Butera) dove sono state girate molte scene del film, in particolare quella iniziale della festa con lo scatto della foto poi usata come prova al Maxi Processo. Di quella scena un frame mi ha colpito: Nicolà Calì, l’attore che interpreta Totò Riina, alza la mano per coprirsi la faccia, per proteggersi. E’ scritto nel copione, ma Calì fa questo ed altri gesti con grande mestiere. Si vede che ha studiato a lungo il personaggio.

Da giornalista che ha scritto per tanti anni di cronaca nera, so quanto contano i simboli per Cosa Nostra. Da sociologo che ha studiato i linguaggi e la spettacolarizzazione della mafia ripenso alla teoria della “comunicazione per sottrazione” quella fatta di silenzi e di gesti, più che di parole. E così al termine del film dico a me stesso che chi ha interpretato Totò Riina ha indovinato tutto, ma proprio tutto. Accade poi che aderisco ad una bella iniziativa del Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università di Messina, dove insegno: due giorni a Siracusa per assistere alle rappresentazioni delle tragedie greche insieme ad un gruppo di docenti e studenti. Due spettacoli belli “Elena” e “Le Troiane”. Il mio amico storico, il professor Antonio Baglio, mi presenta Nicola Calì, proprio lui, l’attore e regista messinese, che interpreta Totò Riina. Una coincidenza o un’opportunità se preferite, per parlare del film, del suo personaggio, della sua esperienza, del red carpet di Cannes. Abbiamo anche scherzato su quella foto facendone una buffa in cui prova a nascondere parzialmente il volto con la mano, come nel film.

Ho la sensazione che il personaggio Totò Riina te lo porterai dietro e dentro per un bel po’….

“Lo penso anch’io –ribatte sorridendo l’attore messinese – anche se ti dico subito che ho visto tutti i video che sono riuscito a trovare in rete e studiare, soprattutto quando ho capito che poteva essere quello il mio personaggio nel film. Il mio Riina non è simpatico come quello della fiction di Mediaset Il Capo dei Capi. Ho seguito alla lettera le indicazioni del regista. Ho saputo dalla mia agente Valentina Calabrò, che ringrazio tantissimo,  che avevano scelto me. Dopo aver superato ben tre provini il primo a Catania nel mese di gennaio dello scorso anno. Eravamo veramente in tanti. Soltanto a sera tarda mi hanno esaminato. Un’ intervista conoscitiva per approfondire il curriculum e capire se potevo essere utilizzato nel cast del film. Poi altri due provini a  Palermo più dedicati al personaggio da interpretare ed eventuali altri parti. A maggio, sempre nel 2018, l’incontro con il registra Marco Bellocchio. Ho avuto qualche momento di ansia perché essendo messinese temevo che il mio accento non fosse quello che il regista si aspettava. Ma poi è andata molto bene. Interpretare Totò Riina è una grande responsabilità che ho affrontato con il mio consueto ottimismo. La considero una grande occasione perché da anni studio la storia della mafia. Nello spettacolo Malacarne, che ho adattato dal romanzo di Giosuè Calaciura, e portato in scena per la prima volta nel 2001 e poi riproposto numerose volte, affronto il tema da una giusta prospettiva. Penso di rimetterlo in scena entro il 2019. Ci provo”.

Poi sono iniziate le riprese in un luogo incantevole: il Castello di Falconara…

“Si davvero. E’ difficile descrivere la bellezza del Castello di Falconara, nel territorio di Butera a pochi chilometri da Licata, su un mare indimenticabile. Ci hanno sistemati proprio bene. Lì abbiamo iniziato le prove. Ognuno di noi aveva una stanza con su il nome del personaggio interpretato”.

Nicola Calì ha due grandi doti: l’umiltà e l’autoironia e queste lo rendono particolarmente simpatico. Ma ha anche una grande voglia di trasmettere la sua esperienza come attore di cinema e di teatro, come sceneggiatore e regista alle giovani generazioni. Il 27 e 28 giugno terrà nella sua città, Messina, un Laboratorio di Recitazione. Pensa di trasferirsi al più presto a Roma. Ha debuttato proprio in teatro a soli 18 anni ne “L’uomo dal fiore in bocca” di Luigi Pirandello. Poi la conferma della sua bravura ne “L’avvenire è nelle uova” di Ionesco nel ‘94. Quindi l’incontro con Peppe Randazzo che definisce il suo vero Maestro, da cui ha appreso il metodo di recitazione ed improvvisazione. Ha debuttato come regista, invece, nel 1997 con “Le farfalle nello stomaco” a Torino. Da allora ha diretto 27 spettacoli, 32 eventi di pedagogia teatrale. Fra attori professionisti, dilettanti ed aspiranti attori ha diretto circa 1650 persone. Fra questi spiccano i nomi di: Luigi Maria Burruano, Anna Galiena, Enrico Guarneri, Mario G. Donatore e Tano Cimarosa. Nel cinema ha diretto un lungometraggio, “L’infernale Litterio”, due documentari,  “A Soqquadro” con Massimo Coglitore e “Un ottobre” sull’alluvione di Giampilieri e alcuni cortometraggi fra cui spicca, “Tre case”, con cui ha vinto un festival e tre premi in Italia.

Quale è stato il tuo rapporto con il regista Marco Bellocchio, sembri entusiasta della sua professionalità….

“E’ un grandissimo onore per me essere stato tra gli attori diretti da Marco Bellocchio (regista di veri capolavori, come La Cina è Vicina – premiato con il Leone d’Oro a Venezia nel 1967 -, Sbatti il mostro in prima pagina, La condanna – Orso d’Argento a Berlino nel 1991) . L’ho visto diverse volte ma non ci avevo mai parlato. Incontri casuali. Un grande regista molto umano e umile. In una scena del film gli ho segnalato un parte che non mi convinceva. Mi ha ascoltato e poi ha fatto la piccola variazione. Nessun altro regista del suo livello forse l’avrebbe fatto. Ma i grandi sono così. I suoi grandi successi sono la testimonianza delle sue straordinarie capacità”.

 

E di Pierfrancesco Favino cosa mi dici…anche di lui tutti parlano bene…

“Pierfrancesco Favino, che da quando ci siamo conosciuti è stato sempre molto cordiale. Condividiamo una scena importante, quella in cui Riina, dopo aver chiesto un confronto con Buscetta, cambia idea, indicando quest’ultimo come persona non seria. Luigi Lo Cascio interpreta invece Totuccio Contorno; quando gli ho raccontato di aver diretto in passato suo zio Luigi Maria Burruano in due occasioni è rimasto molto colpito.”.

Ti ha pesato fare la scena del brindisi dopo la morte di Giovanni Falcone…

“Beh l’emozione e l’ansia è stata tanta durante il film. Una scena forte ma necessaria per far capire quanto si può essere spietati”.

Il red carpet di Cannes…come ti sei sentito?

“Una bella dimensione. Mi sono, tutto sommato, sentito a mio agio”.

A volte la semplicità riesce a vincere su tutto. Nicola Calì è pieno di idee e voglia di fare. Il Traditore gli permette oggi di essere un personaggio. Tutti voglio fare selfie con lui, gli chiedono autografi. Lui sorride e interpreta se capita Riina anche nelle foto. Si copre la faccia come faceva il boss. Ma adesso proverà ad uscire dal personaggio Riina forte di un’esperienza qualificante e professionalmente stupenda.

Ci siamo dimenticati di fargli la domanda che tempo fa fecero a Quentin Tarantino: I film sono meglio delle ragazze?
Il regista italoamericano ha risposto : “Oddio, che domanda. Nei giorni piovosi forse sì”. Chissà cosa avrebbe risposto Nicola Calì dove aver interpretato Totò Riina che pensava: comandare è meglio di fottere. Al contrario di Tommaso Buscetta che amava le donne….e ne ha avute tante. Resteremo col dubbio…


Archivio

04/07/2019
Parla Nicola Calì, boss con “Il traditore” di Marco Bellocchio: “Il mio Riina è spietato”
15/03/2019
Addio a Dario Tiengo, il giornalista gentiluomo nemico delle fake news
15/01/2019
Il valore e i valori della Costituzione
12/11/2018
Fake News - Allarme nel mondo
11/10/2018
Francesco Pira: Tra cattiva informazione e fake news
23/09/2018
La visita di Francesco in Sicilia: per tutti è ora Papa Ciccio
17/09/2018
Papa Francesco, il suo sorriso e la verità silenziosa
29/08/2018
La convinta battaglia dell’avvocato Nicodemo Gentile a favore dei reclusi
24/04/2018
Per favore lasciate in pace Franco Battiato
23/04/2018
Se l’Ostia conscrata arriva con Fratello Drone
22/04/2018
Il nostro vero e unico amico Mark
21/04/2018
Lanciamo la campagna Smartphone adotta un Libro
18/03/2018
Al Sud e in Sicilia è rebus: chissà la mafia per chi avrà votato alle politiche
17/03/2018
Con Netwa su Whatsapp ci possono spiare
06/03/2018
Tra urla, spot e live su Facebook: è finita l’oscena campagna elettorale 2018
06/02/2018
Tempo di Quaresima, digiuno da Whatsapp
05/02/2018
Siamo rovinati su Whatsapp arrivano i videomessaggi veloci
04/02/2018
Se i selfie aiutano a diffondere i pidocchi
03/02/2018
L'anima gemella la trovi con un’App
02/02/2018
Arriva il Direttore della felicità
01/02/2018
Chi di drone ferisce, di drone perisce
31/01/2018
Il trucco diventa virile grazie al web
30/01/2018
Pronta l’auto telepatica. Guideremo con il pensiero
29/01/2018
Anche la chirurgia estetica per i cammelli
28/01/2018
Auschwitz rileggere il passato per educare al rispetto della vita
13/01/2018
Da Carmencita a Cecilia, Galeotto fù il caffe
12/01/2018
Natale 4.0, selfie con l'Albero e Presepi viventi in diretta web
11/01/2018
Copiamo i cinesi: Scanner facciali contro i furti di carta igienica
10/01/2018
Anche sotto la doccia con lo smartphone
09/01/2018
Quelle nonne apocalittiche o integrate
08/01/2018
Connessioni Emotive: bello guardarsi negli occhi
06/11/2017
Quel tatuaggio proprio lì che spopola su Instagram
05/11/2017
Il trionfo di Edoardo Bennato in Sicilia… l’Isola che c’è!!!
05/11/2017
Mogol, nessuno come lui sa raccontare l'amore
29/10/2017
Gli amori che nascono sul web durano di più
28/10/2017
Quel video scabroso finito sul gruppo whatsapp delle mamme
27/10/2017
Guardiamo il display dello smartphone ottanta volte al giorno
11/10/2017
Adesso anche lo smartphone anti-zanzare
10/10/2017
Se i figli geolocalizzano i genitori
09/10/2017
Quella strana voglia di chattare ovunque e comunque
08/10/2017
Quello smartphone onnipresente con noi anche a tavola
07/10/2017
Scuola 3.0: chattare sotto il banco nelle ore di lezione
13/09/2017
Inizia la scuola e riparte l'ossessione dei gruppi Whatsapp delle mamme
05/09/2017
Una App per ascoltare musica dai tatuaggi
04/09/2017
Quello smartphone onnipresente con noi anche a tavola
03/09/2017
In acqua con lo smartphone, si conversa meglio
02/09/2017
Non possiamo vivere senza Whatsapp
01/09/2017
Instagram, chissà se basterà il filtro contro gli insulti
21/07/2017
Ecco perché mi è impossibile dimenticare il giudice Paolo Borsellino
06/07/2017
Chiesa 4.0 La liturgia in un'app
05/07/2017
Fornacella addio, ora il Barbecue ha il termometro digitale wireless
04/07/2017
Quei bambini senza palette e secchielli
03/07/2017
Messaggio inopportuno? Whatsapp te lo fa cancellare
02/07/2017
Se le chewing gum non si vengono per colpa dello smartphone
01/07/2017
Le nostre giornate in diretta social
16/05/2017
Marinano la scuola, fanno sesso per strada e finiscono su Facebook
15/05/2017
Se il Grande Fratello controlla il frigobar
14/05/2017
Telepatia, pensare un post e dettarlo su Facebook
26/04/2017
Licata, il Primario di Ortopedia Dr. Antonino Catanese lascia l’Ospedale: “grazie, sono stato un uomo fortunato”
25/04/2017
Tatuaggio in latino, ci vuole il consulente
19/04/2017
Il campionato di citazioni colte
19/04/2017
Quel messaggio si autodistruggerà
31/03/2017
Il medico licatese dottor Fabio Castiglione è il migliore giovane urologo europeo
30/03/2017
Il campionato di citazioni colte
16/03/2017
L’analisi storico-archeologica di Licata in un prezioso volume del giovane archeologo Alessio Toscano Raffa
15/03/2017
La paura dei tradimenti che nascono su Whatsapp
15/03/2017
I nostri ragazzi maledettamente Social
13/02/2017
Quel dialogo tra sordi con il Bancomat
04/02/2017
La chat delle mamme e di papà e la vetrinizzazione dell’identità
26/01/2017
Se ci fidiamo più di Google, Facebook che del medico
24/01/2017
Quegli audiomessaggi in vernacolo su Whatsapp
10/01/2017
Zygmunt Bauman valori solidi in una società liquida
09/12/2016
Il libro/ Il Capo di Cosa Nostra che amava parlare poco
17/10/2016
Violenza sulle donne, sei gli omicidi sono solo numeri sui media e sui social
03/09/2016
Campagna Fertility day: fare figli è di destra e il profilattico di sinistra
28/07/2016
Le paure, i demoni e la morte che va in scena
28/07/2016
Le paure, i demoni e la morte che va in scena
20/07/2016
Ecco come ricordo il giudice Paolo Borsellino
19/05/2016
Quei selfie sui binari e la rappresentazione social del sé
25/04/2016
Francesco Pira intervistato da ADCOMMUNICATIONS: “Oggi il gossip non ha confini di spazio e di tempo”
19/04/2016
Huffington Post Usa dedica un ampio articolo sul libro Social Gossip di Francesco Pira e Antonia Cava
13/03/2016
Francesco Pira intervistato da IO DONNA: I genitori non hanno la percezione dei pericoli che i figli corrono in rete
24/02/2016
Mamme e bimbi su Facebook, l’allarme della Polizia. Superficialità o esibizionismo?
12/02/2016
Tokio, il tenore Vittorio Terranova nella galleria dei big della musica mondiale all'Hotel Imperial
04/02/2016
Dai cortili agli smartphone il passo è lungo
05/01/2016
Quo vado? Est modus in rebus…
31/12/2015
Il mio ricordo di Sasà Morgana un medico e un rotariano speciale
03/12/2015
Se il terrorismo corre sui social network
03/11/2015
Il mio ricordo di Rosa Balistreri 25 anni dopo la sua morte
05/10/2015
Licata piange la scomparsa dell’avvocato Matteo Lus Granone, uno dei suoi figli migliori
07/09/2015
Se la foto del piccolo Aylan morto sulla spiaggia turca serve per riflettere…
28/08/2015
Genitori disperati: un figlio disabile grave, lei insegnante di ruolo a Milano, lui in Sicilia. Negata l’assegnazione provvisoria
17/08/2015
Vi racconto il mio Battiato
15/08/2015
Gegè Telesforo e gli Urban Fabula incantano il Club Nautico di Gela
29/07/2015
Stessa spiaggia e stesso mare…. ma con tablet e smartphone…
11/05/2015
Oltre la cronaca e i social. La morte per un amore malato
28/04/2015
Dino Zoff, quando incontri una leggenda
11/03/2015
L’amore non è prigioniero della rete…
05/12/2014
Sexting, pornografia minorile. Quella doppia violenza sul web
07/10/2014
Se la rete diventa il luogo del ricordo
01/09/2014
Il video della decapitazione sul web risponde a precisi interessi
26/08/2014
Il sacrificio di Enzo Baldoni
21/08/2014
Un milione di viste in 9 mesi. Un bel parto Tensivamente.it
11/07/2014
Se l’Eni fa le valigie, chi raccoglie i cocci?
12/05/2014
“Isolati si muore”, un magistrato combatte una guerra difficile contro la mafia
08/05/2014
Pizzul e Trap in Brasile per uno spot. Attenti a quei due….divertono
06/05/2014
Buoni esempi, cattivi esempi….
24/04/2014
Se il web ci fa diventare immortali
23/04/2014
Alessio Lo Prete un giovane artista dal gesto “aggressivo e violento”
08/04/2014
Dall’Uomo Windows ai Dementi Digitali
07/04/2014
In libreria “Le Isole Vagabonde” il nuovo racconto di viaggio di Giuseppe Sicari
19/01/2014
E pensare che…la nostra Costituzione…
03/01/2014
In libreria “Lo spostamento dei Cirri” il primo romanzo di Mary Gibilaro La vita vista da un faro tra dolore e amore
15/12/2013
In libreria “Stragi Parallele” il nuovo avvincente romanzo di Angelo Vecchio
20/11/2013
Due giovani artigiani inventano RTW Compact un dispositivo per risparmiare l’acqua calda
10/10/2013
Quei morti di Lampedusa…Il vissuto e il percepito
09/10/2013
Nasce un sito italiano sul Turismo astronomico. A progettarlo e metterlo in rete una siciliana
26/09/2013
Le nuove forme d’amore e il nostro “io nella rete”
27/08/2013
Enzo Baldoni. Un ricordo nove anni dopo l'uccisione
11/08/2013
Una notte sotto le Stelle di Agrigento sognando lo spazio
22/07/2013
Cosa ci lascia la visita di Papa Francesco a Lampedusa
12/07/2013
La nostra estate ipertecnologica
23/06/2013
I Digitali Nativi: alla scoperta dei Super Gufi
03/06/2013
Inquietudini, vizi e tormenti nella vita reale e virtuale
22/05/2013
Servono i social network per vincere le elezioni? Pensiamo di si.
15/03/2013
Papa Francesco, un umile comunicatore
20/01/2013
Elezioni 2013: I social network una realtà, la tv esiste ma è uno dei due schermi dei cittadini-elettori
03/12/2012
Cosa ci lasciano le primarie del PD
07/11/2012
Obama, il grande comunicatore vince anche per merito del web
22/08/2012
La Rete, le nuove o finte rivoluzioni e la crisi della democrazia rappresentattiva
17/07/2012
Alla ricerca del nuovo Napoleone Comunicatore
30/06/2012
Se il pettegolezzo viaggia sulla rete
16/06/2012
Dalla subpolitica all'antipolitica: sul Web protestiamo mentre ci forniscono quello che " ci piace"
22/05/2012
Amministrative e antipolitica: si può vincere o perdere con o senza i social network
06/05/2012
Anche i partigiani siciliani liberarono l'Italia
24/04/2012
La lotta al burocratese...ed i tre tipi di sindaci
14/04/2012
Sogni sullo smartphone? Ma il garante Pizzetti avvisa: sui socialnetwork occhio alla privacy, è a rischio
25/03/2012
Tra strategia e tattica, Napolitano, Monti e…i cittadini stanno a guardare
04/03/2012
Quaresima, il messaggio di Papa Benedetto XVI in quaranta tweet
26/02/2012
W la mamma
21/02/2012
Se Obama giura che la Campagna Elettorale del 2008 sembrerà preistorica
03/02/2012
La solitudine dei bambini: anche Peter Pan ha paura
22/01/2012
L’importanza di parlare ancora di dispersione scolastica e devianze adolescenziali in Sicilia
20/01/2012
Qualcuno affronti anche il pericolo Sexting
15/01/2012
Sono davvero i social network la nuova causa di tanti divorzi?
26/12/2011
Se è la gabbia che va a cercare l'uccello
19/10/2011
Le parole sono importanti
13/10/2011
Perché comunicare la Costituzione
12/10/2011
Le reti, le rivoluzioni e i tam tam planetari e il pensiero di Bauman
02/10/2011
Se il grande comunicatore confessa la sua paura
01/10/2011
Perché ci si può anche non vergognare dell’Italia…
18/09/2011
In sciame come le locuste…e il perché della doppia identità
17/09/2011
Il giornalismo on line...Tanta voglia di crescere…
11/09/2011
Ripartito il campionato. Quanta voglia del vecchio calcio!!!
09/09/2011
La democrazia che nasce sul web
31/08/2011
Riformismo e Rete: come (non) cambiare l'Italia
30/08/2011
Quando muore…un amico
24/08/2011
Tutte le forme d’amore cantate da ventenni…
23/08/2011
Quei cassonetti vuoti in un quadro possono essere buona comunicazione ambientale
03/08/2011
Sapore di sale, sapore di mare…che hai sull’IPad,…che hai sul Nintendo…
01/08/2011
Aldino, il figlio matto di Togliatti
27/07/2011
Ma chi te l’ha ordinato il dottore?
24/07/2011
Relazione aperta o coppia flessibile…
23/07/2011
L’era dell’Assenteismo Virtuale
22/07/2011
L’opposizione bipolare tra la rete e l’io
21/07/2011
I social network ci aiutano a combattere la solitudine…o no?