Contenuto.

Riformismo e Rete: come (non) cambiare l'Italia

31/08/2011

http://mediamondo.wordpress.com/2011/08/29/riformismo-e-rete-come-non-cambiare-l%e2%80%99italia/

Vi segnalo questo commento pubblicato sul suo blog dal Professor Giovanni Boccia Artieri , ordinario di sociologia dei processi culturali e comunicativi dell’Università di Urbino

Buona lettura (f.p.)

 di Giovanni Boccia Artieri

Io non so esattamente se e come il riformismo possa cambiare l’Italia. Certamente non possono farlo uomini e donne con visioni sfuocate su quello che gli sta attorno. Non possono farlo da politici, da soggetti che dovrebbero rapportarsi con l’opinione pubblica e muoversi nelle sfera pubblica alimentando il dibattito e sapendo ascoltare.

Non possono farlo se scrivono (pensano) cose come queste.

La rete è un meraviglioso laboratorio di legami e di saperi , uno strepitoso strumento di giustizia sociale conoscitiva ma , nel suo discorso pubblico, alimenta semplificazioni e il suo stesso linguaggio formale , pollice in su o in giù, rimanda a banalizzazioni esasperate, ad un mondo di tifosi in cui lo spazio per la razionalizzazione e la costruzione si fa più esile. Tutto tende ad essere corto, emotivo, estremo. Proprio quando avremmo più necessità di pensieri lunghi , di progetti grandi, di tempo per realizzarli.

La Rete è una moltiplicazione diffusa di spazi e di discorsi che contengono sia umori e logiche emotive di pura contrapposizione (“abbasso quello”, “viva quell’altro”) che analisi dettagliate, dibattiti profondi, attivazione della cittadinanza… sì, anche nella lunghezza di un tweet. Non credo, quindi, che alimenti solo con semplificazioni il dibattito pubblico, a meno che non si confonda la brevità di alcuni contenuti, che so: 140 caratteri, con una forma di banalizzazione. Capisco che per chi, come lei Veltroni, è nato e si è socializzato all’interno di un paradigma scrittura/lettura fondato sulla stampa sia difficile osservare una realtà in cui la forma scritta in pubblico trova il senso non nel suo isolamento testuale (un saggio, un libro, un articolo) ma nelle sue connessioni. Non è il singolo tweet sull’argomento, i Riot inglesi, l’indignazione spagnola, il referendum italiano, ecc. ad avere senso ma la relazione connessa dei diversi tweet, testimoniata dalla volontà di connettersi attraverso un hashtag. E quella fra questi e post che commentano e il rimando ad articoli sulle testate online, quelle mainstream e di citizen journalism, ecc. Questa conversazione monstrum di difficile monitoraggio nella sua totalità ma con elevata capacità di penetrazione, spesso supportata da forme di auto-organizzazione in tempo reale, genera uno spazio pubblico di opinione diverso da quello che lei ha letto nei testi di Habermas. Ed è importante capire questa differenza perché avere in mente uno spazio pubblico governato dalla razionalità discorsiva significa liquidare come superficiali le forme di comunicazione contemporanee online che alimentano il discorso pubblico attraverso l’ironia, le forme estetiche, le narrazioni personali, ecc. Avere in mente uno spazio deliberativo fondato dalla relazione fra politica e una sola sfera pubblica monolitica significa non cogliere la moltiplicazione di spazi di differenziazione ed autorappresentazione di minoranze ed interessi e i modi che questi spazi hanno oggi di garantire forme di interazione diretta in pubblico di tipo consistente. Anche con i politici come lei. A meno che lei non pensi al web come un luogo per fare semplici PR online verso un pubblico indifferenziato ed indistinto.

Molte delle scarse qualità che, poi, attribuisce alla Rete in relazione al dibattito pubblico mi sembrano specularmente rappresentare le forme di comunicazione che la politica propone quotidianamente. Le semplificazioni che contrappongono schieramenti, il pollice alzato o abbassato con istantaneità emotiva le trovo costantemente in molte manifestazioni della politica sui media: nessun pensiero lungo all’orizzonte, solo slogan da bruciare alla velocità del palinsesto, magari per cambiare idea per la programmazione (mediale) successiva.

Lei dirà: “ma non io. Non molte delle colleghe e dei colleghi che ascolto quotidianamente e che si danno da fare per questo Paese!”.

Ecco vede, basta trattare come un’unità un insieme di differenze ed è facile fare di tutt’erba un fascio.

Trattare come un’unità (la rete) la miriade di differenze (luoghi persone, post, status, ecc.) è non solo riduttivo ma sbagliato.  Lì, all’interno di quegli spazi, dentro quelle conversazioni, fra quelle persone in interazione, si sviluppano discussioni capaci anche di andare oltre l’orizzonte della piccola quotidianità, capaci di produrre discorsi di cittadinanza, capaci di rappresentare minoranze e tematiche non mainstream,  di essere premesse utili per chi deve deliberare…

La differenza è che nel modello di sfera pubblica che io frequento l’agire discorsivo tende a strutturarsi conversazionalmente, producendo contenuti che si allacciano tra loro e si diffondono rendendo trasparente l’attribuzione di pensiero sotto forma di commento, status, tweet, contro post, ecc. Senza troppe mediazioni di pubblicazione.

La differenza è che mentre lei scrive alla nazione facendosi pubblicare su un grande quotidiano nazionale ed aspettando reazioni ufficiali scritte come articoli di opinionisti o sotto forma di intervista fatte a politici (scrive da lì proprio pensando di avere quella visibilità, no?), io le scrivo dal mio blog, che lei non leggerà – non credo che terrà monitorato l’hashtag Veltroni, no? – argomentando solo su un punto del suo lungo scritto e neanche fondamentale. Un punto che ha il sapore di costruzione del contesto, del contorno. Scrivo perché posso auto-rappresentare i miei interessi e dare voce alle mie (in)competenze, perché posso dire che se le premesse di contesto da cui partiamo sono sbagliate allora le soluzioni che proponiamo non possono non esserlo altrettanto. Mi scuso se non sono stato “corto, emotivo, estremo” non fa parte delle abitudini di questa parte della Rete. Non userò neanche il pollice verso perché non concordo con la sua visione della funzione pubblica che può avere la Rete. La invito invece a passare da queste parti più spesso per capire come sta cambiando la sfera pubblica, come si sta moltiplicando ed esprimendo anche in luoghi che non pensavamo deputati. Ma, d’altra parte, laddove ci sono forme discorsive rappresentate pubblicamente la scintilla della cittadinanza può attivarsi.

 


Archivio

12/11/2018
Fake News - Allarme nel mondo
11/10/2018
Francesco Pira: Tra cattiva informazione e fake news
23/09/2018
La visita di Francesco in Sicilia: per tutti è ora Papa Ciccio
17/09/2018
Papa Francesco, il suo sorriso e la verità silenziosa
29/08/2018
La convinta battaglia dell’avvocato Nicodemo Gentile a favore dei reclusi
24/04/2018
Per favore lasciate in pace Franco Battiato
23/04/2018
Se l’Ostia conscrata arriva con Fratello Drone
22/04/2018
Il nostro vero e unico amico Mark
21/04/2018
Lanciamo la campagna Smartphone adotta un Libro
18/03/2018
Al Sud e in Sicilia è rebus: chissà la mafia per chi avrà votato alle politiche
17/03/2018
Con Netwa su Whatsapp ci possono spiare
06/03/2018
Tra urla, spot e live su Facebook: è finita l’oscena campagna elettorale 2018
06/02/2018
Tempo di Quaresima, digiuno da Whatsapp
05/02/2018
Siamo rovinati su Whatsapp arrivano i videomessaggi veloci
04/02/2018
Se i selfie aiutano a diffondere i pidocchi
03/02/2018
L'anima gemella la trovi con un’App
02/02/2018
Arriva il Direttore della felicità
01/02/2018
Chi di drone ferisce, di drone perisce
31/01/2018
Il trucco diventa virile grazie al web
30/01/2018
Pronta l’auto telepatica. Guideremo con il pensiero
29/01/2018
Anche la chirurgia estetica per i cammelli
28/01/2018
Auschwitz rileggere il passato per educare al rispetto della vita
13/01/2018
Da Carmencita a Cecilia, Galeotto fù il caffe
12/01/2018
Natale 4.0, selfie con l'Albero e Presepi viventi in diretta web
11/01/2018
Copiamo i cinesi: Scanner facciali contro i furti di carta igienica
10/01/2018
Anche sotto la doccia con lo smartphone
09/01/2018
Quelle nonne apocalittiche o integrate
08/01/2018
Connessioni Emotive: bello guardarsi negli occhi
06/11/2017
Quel tatuaggio proprio lì che spopola su Instagram
05/11/2017
Mogol, nessuno come lui sa raccontare l'amore
05/11/2017
Il trionfo di Edoardo Bennato in Sicilia… l’Isola che c’è!!!
29/10/2017
Gli amori che nascono sul web durano di più
28/10/2017
Quel video scabroso finito sul gruppo whatsapp delle mamme
27/10/2017
Guardiamo il display dello smartphone ottanta volte al giorno
11/10/2017
Adesso anche lo smartphone anti-zanzare
10/10/2017
Se i figli geolocalizzano i genitori
09/10/2017
Quella strana voglia di chattare ovunque e comunque
08/10/2017
Quello smartphone onnipresente con noi anche a tavola
07/10/2017
Scuola 3.0: chattare sotto il banco nelle ore di lezione
13/09/2017
Inizia la scuola e riparte l'ossessione dei gruppi Whatsapp delle mamme
05/09/2017
Una App per ascoltare musica dai tatuaggi
04/09/2017
Quello smartphone onnipresente con noi anche a tavola
03/09/2017
In acqua con lo smartphone, si conversa meglio
02/09/2017
Non possiamo vivere senza Whatsapp
01/09/2017
Instagram, chissà se basterà il filtro contro gli insulti
21/07/2017
Ecco perché mi è impossibile dimenticare il giudice Paolo Borsellino
06/07/2017
Chiesa 4.0 La liturgia in un'app
05/07/2017
Fornacella addio, ora il Barbecue ha il termometro digitale wireless
04/07/2017
Quei bambini senza palette e secchielli
03/07/2017
Messaggio inopportuno? Whatsapp te lo fa cancellare
02/07/2017
Se le chewing gum non si vengono per colpa dello smartphone
01/07/2017
Le nostre giornate in diretta social
16/05/2017
Marinano la scuola, fanno sesso per strada e finiscono su Facebook
15/05/2017
Se il Grande Fratello controlla il frigobar
14/05/2017
Telepatia, pensare un post e dettarlo su Facebook
26/04/2017
Licata, il Primario di Ortopedia Dr. Antonino Catanese lascia l’Ospedale: “grazie, sono stato un uomo fortunato”
25/04/2017
Tatuaggio in latino, ci vuole il consulente
19/04/2017
Il campionato di citazioni colte
19/04/2017
Quel messaggio si autodistruggerà
31/03/2017
Il medico licatese dottor Fabio Castiglione è il migliore giovane urologo europeo
30/03/2017
Il campionato di citazioni colte
16/03/2017
L’analisi storico-archeologica di Licata in un prezioso volume del giovane archeologo Alessio Toscano Raffa
15/03/2017
La paura dei tradimenti che nascono su Whatsapp
15/03/2017
I nostri ragazzi maledettamente Social
13/02/2017
Quel dialogo tra sordi con il Bancomat
04/02/2017
La chat delle mamme e di papà e la vetrinizzazione dell’identità
26/01/2017
Se ci fidiamo più di Google, Facebook che del medico
24/01/2017
Quegli audiomessaggi in vernacolo su Whatsapp
10/01/2017
Zygmunt Bauman valori solidi in una società liquida
09/12/2016
Il libro/ Il Capo di Cosa Nostra che amava parlare poco
17/10/2016
Violenza sulle donne, sei gli omicidi sono solo numeri sui media e sui social
03/09/2016
Campagna Fertility day: fare figli è di destra e il profilattico di sinistra
28/07/2016
Le paure, i demoni e la morte che va in scena
28/07/2016
Le paure, i demoni e la morte che va in scena
20/07/2016
Ecco come ricordo il giudice Paolo Borsellino
19/05/2016
Quei selfie sui binari e la rappresentazione social del sé
25/04/2016
Francesco Pira intervistato da ADCOMMUNICATIONS: “Oggi il gossip non ha confini di spazio e di tempo”
19/04/2016
Huffington Post Usa dedica un ampio articolo sul libro Social Gossip di Francesco Pira e Antonia Cava
13/03/2016
Francesco Pira intervistato da IO DONNA: I genitori non hanno la percezione dei pericoli che i figli corrono in rete
24/02/2016
Mamme e bimbi su Facebook, l’allarme della Polizia. Superficialità o esibizionismo?
12/02/2016
Tokio, il tenore Vittorio Terranova nella galleria dei big della musica mondiale all'Hotel Imperial
04/02/2016
Dai cortili agli smartphone il passo è lungo
05/01/2016
Quo vado? Est modus in rebus…
31/12/2015
Il mio ricordo di Sasà Morgana un medico e un rotariano speciale
03/12/2015
Se il terrorismo corre sui social network
03/11/2015
Il mio ricordo di Rosa Balistreri 25 anni dopo la sua morte
05/10/2015
Licata piange la scomparsa dell’avvocato Matteo Lus Granone, uno dei suoi figli migliori
07/09/2015
Se la foto del piccolo Aylan morto sulla spiaggia turca serve per riflettere…
28/08/2015
Genitori disperati: un figlio disabile grave, lei insegnante di ruolo a Milano, lui in Sicilia. Negata l’assegnazione provvisoria
17/08/2015
Vi racconto il mio Battiato
15/08/2015
Gegè Telesforo e gli Urban Fabula incantano il Club Nautico di Gela
29/07/2015
Stessa spiaggia e stesso mare…. ma con tablet e smartphone…
11/05/2015
Oltre la cronaca e i social. La morte per un amore malato
28/04/2015
Dino Zoff, quando incontri una leggenda
11/03/2015
L’amore non è prigioniero della rete…
05/12/2014
Sexting, pornografia minorile. Quella doppia violenza sul web
07/10/2014
Se la rete diventa il luogo del ricordo
01/09/2014
Il video della decapitazione sul web risponde a precisi interessi
26/08/2014
Il sacrificio di Enzo Baldoni
21/08/2014
Un milione di viste in 9 mesi. Un bel parto Tensivamente.it
11/07/2014
Se l’Eni fa le valigie, chi raccoglie i cocci?
12/05/2014
“Isolati si muore”, un magistrato combatte una guerra difficile contro la mafia
08/05/2014
Pizzul e Trap in Brasile per uno spot. Attenti a quei due….divertono
06/05/2014
Buoni esempi, cattivi esempi….
24/04/2014
Se il web ci fa diventare immortali
23/04/2014
Alessio Lo Prete un giovane artista dal gesto “aggressivo e violento”
08/04/2014
Dall’Uomo Windows ai Dementi Digitali
07/04/2014
In libreria “Le Isole Vagabonde” il nuovo racconto di viaggio di Giuseppe Sicari
19/01/2014
E pensare che…la nostra Costituzione…
03/01/2014
In libreria “Lo spostamento dei Cirri” il primo romanzo di Mary Gibilaro La vita vista da un faro tra dolore e amore
15/12/2013
In libreria “Stragi Parallele” il nuovo avvincente romanzo di Angelo Vecchio
20/11/2013
Due giovani artigiani inventano RTW Compact un dispositivo per risparmiare l’acqua calda
10/10/2013
Quei morti di Lampedusa…Il vissuto e il percepito
09/10/2013
Nasce un sito italiano sul Turismo astronomico. A progettarlo e metterlo in rete una siciliana
26/09/2013
Le nuove forme d’amore e il nostro “io nella rete”
27/08/2013
Enzo Baldoni. Un ricordo nove anni dopo l'uccisione
11/08/2013
Una notte sotto le Stelle di Agrigento sognando lo spazio
22/07/2013
Cosa ci lascia la visita di Papa Francesco a Lampedusa
12/07/2013
La nostra estate ipertecnologica
23/06/2013
I Digitali Nativi: alla scoperta dei Super Gufi
03/06/2013
Inquietudini, vizi e tormenti nella vita reale e virtuale
22/05/2013
Servono i social network per vincere le elezioni? Pensiamo di si.
15/03/2013
Papa Francesco, un umile comunicatore
20/01/2013
Elezioni 2013: I social network una realtà, la tv esiste ma è uno dei due schermi dei cittadini-elettori
03/12/2012
Cosa ci lasciano le primarie del PD
07/11/2012
Obama, il grande comunicatore vince anche per merito del web
22/08/2012
La Rete, le nuove o finte rivoluzioni e la crisi della democrazia rappresentattiva
17/07/2012
Alla ricerca del nuovo Napoleone Comunicatore
30/06/2012
Se il pettegolezzo viaggia sulla rete
16/06/2012
Dalla subpolitica all'antipolitica: sul Web protestiamo mentre ci forniscono quello che " ci piace"
22/05/2012
Amministrative e antipolitica: si può vincere o perdere con o senza i social network
06/05/2012
Anche i partigiani siciliani liberarono l'Italia
24/04/2012
La lotta al burocratese...ed i tre tipi di sindaci
14/04/2012
Sogni sullo smartphone? Ma il garante Pizzetti avvisa: sui socialnetwork occhio alla privacy, è a rischio
25/03/2012
Tra strategia e tattica, Napolitano, Monti e…i cittadini stanno a guardare
04/03/2012
Quaresima, il messaggio di Papa Benedetto XVI in quaranta tweet
26/02/2012
W la mamma
21/02/2012
Se Obama giura che la Campagna Elettorale del 2008 sembrerà preistorica
03/02/2012
La solitudine dei bambini: anche Peter Pan ha paura
22/01/2012
L’importanza di parlare ancora di dispersione scolastica e devianze adolescenziali in Sicilia
20/01/2012
Qualcuno affronti anche il pericolo Sexting
15/01/2012
Sono davvero i social network la nuova causa di tanti divorzi?
26/12/2011
Se è la gabbia che va a cercare l'uccello
19/10/2011
Le parole sono importanti
13/10/2011
Perché comunicare la Costituzione
12/10/2011
Le reti, le rivoluzioni e i tam tam planetari e il pensiero di Bauman
02/10/2011
Se il grande comunicatore confessa la sua paura
01/10/2011
Perché ci si può anche non vergognare dell’Italia…
18/09/2011
In sciame come le locuste…e il perché della doppia identità
17/09/2011
Il giornalismo on line...Tanta voglia di crescere…
11/09/2011
Ripartito il campionato. Quanta voglia del vecchio calcio!!!
09/09/2011
La democrazia che nasce sul web
31/08/2011
Riformismo e Rete: come (non) cambiare l'Italia
30/08/2011
Quando muore…un amico
24/08/2011
Tutte le forme d’amore cantate da ventenni…
23/08/2011
Quei cassonetti vuoti in un quadro possono essere buona comunicazione ambientale
03/08/2011
Sapore di sale, sapore di mare…che hai sull’IPad,…che hai sul Nintendo…
01/08/2011
Aldino, il figlio matto di Togliatti
27/07/2011
Ma chi te l’ha ordinato il dottore?
24/07/2011
Relazione aperta o coppia flessibile…
23/07/2011
L’era dell’Assenteismo Virtuale
22/07/2011
L’opposizione bipolare tra la rete e l’io
21/07/2011
I social network ci aiutano a combattere la solitudine…o no?