Contenuto.

Ecco perché mi è impossibile dimenticare il giudice Paolo Borsellino

21/07/2017

Sono passati 25 anni dalla strage di via D'Amelio. Venticinque lunghi anni in cui ognuno di noi conserva il ricordo terribile di quei momenti, impresso nella nostra memoria. Ieri la Rai ha annunciato per domani sera una docu-fiction su RaiUno e dirette su Rainews 24 degli eventi dedicati al magistrato ucciso dalla mafia e speciali sui telegiornali.  Ieri mattina è stata presentata la docu-fiction Paolo Borsellino – Adesso tocca a me di Francesco Micicchè (in onda su Raiuno domani alle 21,30) incentrata sui 57 giorni più difficili, quelli trascorsi tra la strage di Capaci e quel pomeriggio assolato di Palermo in cui un'autobomba è esplosa tra le strade deserte uccidendo il magistrato i cinque uomini della sua scorta, Claudio Traina, Agostino Catalano, Walter Cosina, Emanuela Loi e Vincenzo Li Muli. Il giudice Paolo Borsellino era andato in Via D’Amelio a Palermo a prendere la sua mamma per accompagnarla dal medico. Alle 16,58  una fortissima esplosione uccide persone, abbatte case, fa saltare in aria auto.

L’obiettivo:uccidere uno dei simboli della lotta alla mafia.  Più volte ho ricordato, anche durante interventi in convegni o conferenze, sia in Sicilia che in altre parti d’Italia che ho avuto il privilegio di intervistare il giudice Paolo Borsellino per un quotidiano regionale agli inizi degli anni ‘90. Dalla Procura di Marsala stava per tornare a Palermo. Oggi, come spesso mi è capitato da quando non c’è più e sento parlare di lui, risento la sua voce. Quel tono pacato con cui riusciva a pronunciare piccole e grandi verità.

Fui diretto quella volta. Gli chiesi se aveva paura di tornare a Palermo. La sua risposta fu onesta e sincera, come lo è stata la sua straordinaria vita. Mi disse di si. Che la paura era un sentimento umano.” E' normale che esista la paura, in ogni uomo, l'importante è che sia accompagnata dal coraggio. Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti”.

E’ un episodio che mi ha segnato perché ci è capitato tante volte di avere paura ma è difficile immaginare che un uomo come Paolo Borsellino, nonostante la paura continuasse la sua battaglia contro il male. Un’intervista tra quelle che non dimenticherò mai nella mia esistenza. Incancellabile. Piena di vita, anche se annunciava la morte.

Le sue parole non possono e non devono essere dimenticate: Politica e mafia sono due poteri che vivono sul controllo dello stesso territorio: o si fanno la guerra o si mettono d'accordo”.

La paura forse per Paolo Borsellino era anche la quasi certezza che l’avrebbero eliminato: “Mi uccideranno, ma non sarà una vendetta della mafia, la mafia non si vendica. Forse saranno mafiosi quelli che materialmente mi uccideranno, ma quelli che avranno voluto la mia morte saranno altri".

Vivere e lottare sapendo che il destino era segnato. Venticinque anni dopo ancora ci sono misteri che non sono risolti, legati alla morte di Paolo Borsellino e che mai si risolveranno.

C’è un’altra intervista che mi porto dentro. Quella fatta al giudice Antonino Caponnetto Capo del Pool Antimafia. Mi piacevano tantissimo i messaggi che era capace di lanciare ai giovani: “Ragazzi godetevi la vita, innamoratevi, siate felici ma diventate partigiani di questa nuova resistenza, la resistenza dei valori, la resistenza degli ideali. Non abbiate mai paura di pensare, di denunciare e di agire da uomini liberi e consapevoli”.

Ma sulla tragica uccisione del giudice Borsellino aveva fatto dichiarazioni molto precise. Cercato risposte che non sono arrivate: “Ancora oggi aspetto di sapere chi fosse il funzionario responsabile della sicurezza di Paolo, se si sia proceduto disciplinarmente nei suoi confronti e con quali conseguenze”.

Il presidente del Senato, Pietro Grasso, uno dei protagonisti  della presentazione della docu-fiction ci ha ricordato che : "è l'esempio di Falcone e Borsellino che spinge a continuare combattere per un paese che può essere dilaniato e deluso. Dobbiamo continuare a lottare per farlo diventare migliore. E vedrete che anche la mafia avrà una fine". Ed ancora:"è importante continuare a cercare la verità, lo dobbiamo alle vittime, lo dobbiamo al paese".

Mi piacerebbe oggi, con la maturità e l’esperienza acquisita, incontrare ancora Paolo Borsellino, parlare con lui e chiedergli un giudizio sulla nostra Sicilia. Mi piacerebbe riportare un suo pensiero su una terra dove ogni giorno sbarcano disperati. Una terra che non ha superato il complesso di essere Sud del Sud. Una terra che alterna la voglia di riscattarsi e di costruire, al servilismo più sfrenato e alla capacità di demolire.

Forse risponderebbe sorridendo: “la Sicilia un giorno sarà bellissima”. E detto da lui non stenteremmo a  crederci.

 


Archivio

21/07/2017
Ecco perché mi è impossibile dimenticare il giudice Paolo Borsellino
06/07/2017
Chiesa 4.0 La liturgia in un'app
05/07/2017
Fornacella addio, ora il Barbecue ha il termometro digitale wireless
04/07/2017
Quei bambini senza palette e secchielli
03/07/2017
Messaggio inopportuno? Whatsapp te lo fa cancellare
02/07/2017
Se le chewing gum non si vengono per colpa dello smartphone
01/07/2017
Le nostre giornate in diretta social
16/05/2017
Marinano la scuola, fanno sesso per strada e finiscono su Facebook
15/05/2017
Se il Grande Fratello controlla il frigobar
14/05/2017
Telepatia, pensare un post e dettarlo su Facebook
26/04/2017
Licata, il Primario di Ortopedia Dr. Antonino Catanese lascia l’Ospedale: “grazie, sono stato un uomo fortunato”
25/04/2017
Tatuaggio in latino, ci vuole il consulente
19/04/2017
Quel messaggio si autodistruggerà
19/04/2017
Il campionato di citazioni colte
31/03/2017
Il medico licatese dottor Fabio Castiglione è il migliore giovane urologo europeo
30/03/2017
Il campionato di citazioni colte
16/03/2017
L’analisi storico-archeologica di Licata in un prezioso volume del giovane archeologo Alessio Toscano Raffa
15/03/2017
La paura dei tradimenti che nascono su Whatsapp
15/03/2017
I nostri ragazzi maledettamente Social
13/02/2017
Quel dialogo tra sordi con il Bancomat
04/02/2017
La chat delle mamme e di papà e la vetrinizzazione dell’identità
26/01/2017
Se ci fidiamo più di Google, Facebook che del medico
24/01/2017
Quegli audiomessaggi in vernacolo su Whatsapp
10/01/2017
Zygmunt Bauman valori solidi in una società liquida
09/12/2016
Il libro/ Il Capo di Cosa Nostra che amava parlare poco
17/10/2016
Violenza sulle donne, sei gli omicidi sono solo numeri sui media e sui social
03/09/2016
Campagna Fertility day: fare figli è di destra e il profilattico di sinistra
28/07/2016
Le paure, i demoni e la morte che va in scena
28/07/2016
Le paure, i demoni e la morte che va in scena
20/07/2016
Ecco come ricordo il giudice Paolo Borsellino
19/05/2016
Quei selfie sui binari e la rappresentazione social del sé
25/04/2016
Francesco Pira intervistato da ADCOMMUNICATIONS: “Oggi il gossip non ha confini di spazio e di tempo”
19/04/2016
Huffington Post Usa dedica un ampio articolo sul libro Social Gossip di Francesco Pira e Antonia Cava
13/03/2016
Francesco Pira intervistato da IO DONNA: I genitori non hanno la percezione dei pericoli che i figli corrono in rete
24/02/2016
Mamme e bimbi su Facebook, l’allarme della Polizia. Superficialità o esibizionismo?
12/02/2016
Tokio, il tenore Vittorio Terranova nella galleria dei big della musica mondiale all'Hotel Imperial
04/02/2016
Dai cortili agli smartphone il passo è lungo
05/01/2016
Quo vado? Est modus in rebus…
31/12/2015
Il mio ricordo di Sasà Morgana un medico e un rotariano speciale
03/12/2015
Se il terrorismo corre sui social network
03/11/2015
Il mio ricordo di Rosa Balistreri 25 anni dopo la sua morte
05/10/2015
Licata piange la scomparsa dell’avvocato Matteo Lus Granone, uno dei suoi figli migliori
07/09/2015
Se la foto del piccolo Aylan morto sulla spiaggia turca serve per riflettere…
28/08/2015
Genitori disperati: un figlio disabile grave, lei insegnante di ruolo a Milano, lui in Sicilia. Negata l’assegnazione provvisoria
17/08/2015
Vi racconto il mio Battiato
15/08/2015
Gegè Telesforo e gli Urban Fabula incantano il Club Nautico di Gela
29/07/2015
Stessa spiaggia e stesso mare…. ma con tablet e smartphone…
11/05/2015
Oltre la cronaca e i social. La morte per un amore malato
28/04/2015
Dino Zoff, quando incontri una leggenda
11/03/2015
L’amore non è prigioniero della rete…
05/12/2014
Sexting, pornografia minorile. Quella doppia violenza sul web
07/10/2014
Se la rete diventa il luogo del ricordo
01/09/2014
Il video della decapitazione sul web risponde a precisi interessi
26/08/2014
Il sacrificio di Enzo Baldoni
21/08/2014
Un milione di viste in 9 mesi. Un bel parto Tensivamente.it
11/07/2014
Se l’Eni fa le valigie, chi raccoglie i cocci?
12/05/2014
“Isolati si muore”, un magistrato combatte una guerra difficile contro la mafia
08/05/2014
Pizzul e Trap in Brasile per uno spot. Attenti a quei due….divertono
06/05/2014
Buoni esempi, cattivi esempi….
24/04/2014
Se il web ci fa diventare immortali
23/04/2014
Alessio Lo Prete un giovane artista dal gesto “aggressivo e violento”
08/04/2014
Dall’Uomo Windows ai Dementi Digitali
07/04/2014
In libreria “Le Isole Vagabonde” il nuovo racconto di viaggio di Giuseppe Sicari
19/01/2014
E pensare che…la nostra Costituzione…
03/01/2014
In libreria “Lo spostamento dei Cirri” il primo romanzo di Mary Gibilaro La vita vista da un faro tra dolore e amore
15/12/2013
In libreria “Stragi Parallele” il nuovo avvincente romanzo di Angelo Vecchio
20/11/2013
Due giovani artigiani inventano RTW Compact un dispositivo per risparmiare l’acqua calda
10/10/2013
Quei morti di Lampedusa…Il vissuto e il percepito
09/10/2013
Nasce un sito italiano sul Turismo astronomico. A progettarlo e metterlo in rete una siciliana
26/09/2013
Le nuove forme d’amore e il nostro “io nella rete”
27/08/2013
Enzo Baldoni. Un ricordo nove anni dopo l'uccisione
11/08/2013
Una notte sotto le Stelle di Agrigento sognando lo spazio
22/07/2013
Cosa ci lascia la visita di Papa Francesco a Lampedusa
12/07/2013
La nostra estate ipertecnologica
23/06/2013
I Digitali Nativi: alla scoperta dei Super Gufi
03/06/2013
Inquietudini, vizi e tormenti nella vita reale e virtuale
22/05/2013
Servono i social network per vincere le elezioni? Pensiamo di si.
15/03/2013
Papa Francesco, un umile comunicatore
20/01/2013
Elezioni 2013: I social network una realtà, la tv esiste ma è uno dei due schermi dei cittadini-elettori
03/12/2012
Cosa ci lasciano le primarie del PD
07/11/2012
Obama, il grande comunicatore vince anche per merito del web
22/08/2012
La Rete, le nuove o finte rivoluzioni e la crisi della democrazia rappresentattiva
17/07/2012
Alla ricerca del nuovo Napoleone Comunicatore
30/06/2012
Se il pettegolezzo viaggia sulla rete
16/06/2012
Dalla subpolitica all'antipolitica: sul Web protestiamo mentre ci forniscono quello che " ci piace"
22/05/2012
Amministrative e antipolitica: si può vincere o perdere con o senza i social network
06/05/2012
Anche i partigiani siciliani liberarono l'Italia
24/04/2012
La lotta al burocratese...ed i tre tipi di sindaci
14/04/2012
Sogni sullo smartphone? Ma il garante Pizzetti avvisa: sui socialnetwork occhio alla privacy, è a rischio
25/03/2012
Tra strategia e tattica, Napolitano, Monti e…i cittadini stanno a guardare
04/03/2012
Quaresima, il messaggio di Papa Benedetto XVI in quaranta tweet
26/02/2012
W la mamma
21/02/2012
Se Obama giura che la Campagna Elettorale del 2008 sembrerà preistorica
03/02/2012
La solitudine dei bambini: anche Peter Pan ha paura
22/01/2012
L’importanza di parlare ancora di dispersione scolastica e devianze adolescenziali in Sicilia
20/01/2012
Qualcuno affronti anche il pericolo Sexting
15/01/2012
Sono davvero i social network la nuova causa di tanti divorzi?
26/12/2011
Se è la gabbia che va a cercare l'uccello
19/10/2011
Le parole sono importanti
13/10/2011
Perché comunicare la Costituzione
12/10/2011
Le reti, le rivoluzioni e i tam tam planetari e il pensiero di Bauman
02/10/2011
Se il grande comunicatore confessa la sua paura
01/10/2011
Perché ci si può anche non vergognare dell’Italia…
18/09/2011
In sciame come le locuste…e il perché della doppia identità
17/09/2011
Il giornalismo on line...Tanta voglia di crescere…
11/09/2011
Ripartito il campionato. Quanta voglia del vecchio calcio!!!
09/09/2011
La democrazia che nasce sul web
31/08/2011
Riformismo e Rete: come (non) cambiare l'Italia
30/08/2011
Quando muore…un amico
24/08/2011
Tutte le forme d’amore cantate da ventenni…
23/08/2011
Quei cassonetti vuoti in un quadro possono essere buona comunicazione ambientale
03/08/2011
Sapore di sale, sapore di mare…che hai sull’IPad,…che hai sul Nintendo…
01/08/2011
Aldino, il figlio matto di Togliatti
27/07/2011
Ma chi te l’ha ordinato il dottore?
24/07/2011
Relazione aperta o coppia flessibile…
23/07/2011
L’era dell’Assenteismo Virtuale
22/07/2011
L’opposizione bipolare tra la rete e l’io
21/07/2011
I social network ci aiutano a combattere la solitudine…o no?