Contenuto.

Fake News - Allarme nel mondo

12/11/2018

https://www.giornalando.net/fake-news-ndash-allarme-nel-mondo.html

di Renato Catania

GIORNALISMI – IL PUNTO DI VISTA DEL PROFESSOR PIRA

Il vicolo cieco in cui si è rifugiata in Italia, la "carta stampata", ha caratterizzato non solo il crollo delle vendite dei giornali ma insieme al fenomeno delle fake news, ha visto il crollo dell'interesse anche dei tradizionali affezionati lettori. Ormai il settore è sfiduciato, anche perché, nessun progetto serio, appare in grado di bloccarne il declino. Gli studiosi del settore e i comunicatori analizzano continuamente il problema nel tentativo di combatterne gli effetti e Dio sa quanto ce ne sia bisogno. Fra questi il professor Francesco Pira, docente di Teorie e tecniche del linguaggio giornalistico, Comunicazione Istituzionale, Giornalismo digitale e Comunicazione Integrata, con Andrea Altinier, docente di comunicazione, hanno pubblicato un saggio: "Giornalismi", che affronta in modo lucido e analitico il fenomeno. Conobbi il Professor Pira in occasione della conferenza stampa di presentazione del saggio "Giornalismi", indetta, presso il Polo Universitario di Agrigento. In quell'occasione avendo trovato molto interessante l'argomento, chiesi e ottenni l'intervista che segue, precariamente appartati presso un bar letterario della bella Agrigento:

 

-Chi è il lettore interessato al "saggio"?

Il libro nasce con una prerogativa: è inserito in una collana di comunicazione e marketing dell'Università Salesiana di Venezia e Verona, quindi è un testo didattico, da Comitato Scientifico. Ha tutte le caratteristiche di un saggio. Quando l'abbiamo scritto, pensavamo che sarebbe stato solo legato a mera fruizione da parte degli studenti. Ci siamo, però, resi conto, che proprio quando stava uscendo il libro, è scoppiato l'allarme "fake news", in Politica, nella Sanità e in tutto il mondo della comunicazione. È stato il momento in cui esplodeva la questione vaccini. Ci siamo resi conto che era diventato utile per tutti quelli che in qualche modo, impattano con la comunicazione e il linguaggio. Come docente sto tenendo Corsi di Formazione per giornalisti. La prossima settimana sarò a Napoli per tenere un Master dedicato alla Sanità, argomento molto sentito.

-Nella prefazione il professor Mariano Diotto, definisce "Giornalismi" Manuale Originale, è dunque da considerare tale?

Sicuramente per com'è strutturato, la definizione è esatta. Chi vorrà leggerlo, sarà prevalentemente un addetto ai lavori. È frutto di due anni di ricerche sul fenomeno "fake news", in Italia e nel mondo, di cui ritengo ci sia una sottovalutazione. Su questo abbiamo costruito il nostro lavoro. È utile come un manuale ma ha dignità di ricerca.

-Secondo quello che leggiamo in "Giornalismi", una componente della crisi della carta stampata, sembra derivi dall'uso scorretto delle informazioni riportate su internet, su cui attingono molti giornalisti, per approfondimenti e non solo. Ritiene questo metodo inefficace e scarsamente veritiero?

Credo che ci sia una pericolosa sottovalutazione delle "fake news". Non è una cosa casuale o episodica. A oggi, nessuno ha preso seriamente in considerazione, che possa esistere un'industria delle "fake news". Mi piace ricordare che i più importanti quotidiani alla versione cartacea affiancano quella on line. Il tema è: se la fake new è scritta bene e comincia a entrare nei siti internet di alcuni quotidiani, non solo italiani, a quel punto la diffusione è talmente capillare che potrà essere facilissimo cascarci, vuoi perché non hanno il tempo per la verifica, vuoi perché non la vogliono fare. Secondo me, la prima regola è che non si può pensare di adottare il linguaggio della carta stampata a "Istagram", tant'è vero che grandi televisioni come la BBC, hanno alcuni telegiornali su "Istagram", avendo capito che il problema è catturare il lettore in pochi secondi. Per esempio, proprio in quello della BBC, scompare pure la parola a vantaggio di musica e immagine. Appare una striscetta con una sorta di titolo. Diciamo francamente, se è vera questa tendenza e gli americani dicono che nel 2025, sparirà la carta stampata, il futuro dei giornali ex cartacei e on line, è tutto da scrivere.

-Ritiene l'informazione viziata dagli interessi personali degli editori, legati alla politica o interessi di parte?

In Italia abbiamo la strana situazione che non esiste l'editore puro, o meglio sono un numero sparuto. Gli editori nostrani sono di due tipi: Imprenditori che investono nella carta stampata e per come chiede in domanda, per cui dicono che tengono i giornali perché servono a ricattare la politica. Esiste l'altro tipo di editore la cui testata è alimentata da finanziamenti pubblici, per cui e obbligatorio dar conto ​ allo Stato. Altra eclatante anomalia tutta italiana è il caso della testata "Il Sole 24 ore". Siamo l'unico Paese in Europa che il più grande quotidiano economico, appartiene a Confindustria, per cui, i prestigiosi articoli di economia, sono orientati sugli interessi degli imprenditori. Se questo è il sistema, le fak news possono essere generate da tali soggetti. Ad esempio, se Confindustria è contraria a questo Governo perché dissente dalla sua politica economica, in questo modo ha la possibilità d'influenzare il popolo elettore, manifestando il suo punto di vista. Nel primo caso, non mi sento di dire, perché non ho le prove, che possano esserci strutture istituzionali che generano fake news, però mi sento di dire che c'è un'industria delle fake news, che può in qualche modo agevolare le parti, ma che comunque ha una sua strategia finale. Altro esempio pratico: la Brexit. È emerso che il 70% delle notizie girate, prima del referendum, erano fake news. Oggi, gli inglesi non voterebbero allo stesso modo. A chi giova? Chi danneggia? In Italia, è chiaro che c'è un'industria che produce vaccini, che ha determinati interessi. Esiste un movimento di persone, che sono contro i vaccini, che producono altre notizie. Alcune sono anche false. È palese che la macchina delle fake news possa essere finanziata una volta da uno o dall'altro. In mezzo c'è la mancanza di verità.

-Lei quindi ritieni che possa esserci un organismo fatto apposta?

La cosa, ritengo sia strutturata. Dobbiamo pensare che non è la burla, la bufala. Dietro c'è una strategia, perché alcune cose avvengono in determinati momenti, in certe Nazioni piuttosto che in altre. Non può essere casuale in cotanta organizzazione.

-Qual è oggi, secondo lei, l'obiettivo primario di una testata giornalistica, quella d'informare correttamente o sbalordire per creare interesse e vendere?

È chiaro che i giornali devono vendere e trovare la chiave per farlo più della concorrenza. Però penso che i giornalisti stiano vivendo una profonda crisi d'identità, perché i giornali non si vendono. Gli editori italiani non sono stati furbi come in altri paesi, andando a creare condizioni che permettessero loro di vendere pacchetti su settori specifici, come in America, dove puoi comprare anche tutte le pagine culturali o sportive. In Italia, questo non è mai stato praticato. E' cambiato il giornalismo, è cambiato il pubblico e il livello si è molto abbassato.

Secondo me non è cambiato il giornalismo, ma il bisogno di fare giornalismo in modo evolutivo. C'è stata un'evoluzione nella comunicazione, di cui la carta stampata non ne ha seguito flusso. Se guardiamo le striminzite redazioni di adesso e le mettiamo a confronto con quelle di qualche decennio fa, sono identiche, vigono gli stessi sistemi. Le riunioni di redazione, uguali a cent'anni fa.

A conforto di quello che dice, c'è anche una certa differenza nel cambiamento del rapporto spazio – tempo: Il giornalista di oggi ha sempre meno tempo, sempre più lavoro e non riesce a essere competitivo, perché le testate sembrano fatte in fotocopia.

-Il prestigio di una tastata giornalistica, sta nell'accaparrarsi penne straordinarie che affascinino il lettore, che consentano di essere seguiti a prescindere dalla testata che la ospita: Enzo Biagi mi faceva acquistare il Corriere della Sera, Indro Montanelli Il Giornale e così via. Non crede che la scarsità di penne straordinarie possa essere una concausa della crisi?

Penso che oggi un Blogger valga molto più di una penna straordinaria, come la chiama lei. Un'Influenzer vale molto di qualunque giornalista capace di produrre inchieste. Facciamo un esempio pratico: Nella moda, fino a qualche tempo fa, una giornalista del settore era considerata una dea. Arrivava alle sfilate di moda e le era riservato il posto più importante, oggi, è in terza fila, al suo posto c'è un Blogger, perché quando io riesco a parlare a cinque o sei milioni di persone, tutti i giorni, per me Azienda di Moda, potrò essere molto cordiale con la giornalista di Vogue, che vende 25 mila copie, ma la Blogger ha un'influenza maggiore.

-Che la Blogger abbia un'influenza maggiore, è indubbio, ma parliamo di altro settore. La Blogger è pagata dalle case produttrici, per pubblicizzare i loro prodotti. Per prima cosa, non c'è la purezza della competenza e dell'obiettività della tecnica della giornalista di moda il cui ruolo è ben diverso, dovendo esprimere tecniche di linguaggio e vera conoscenza di tendenze. La Blogger t'influenza a comando.

Secondo me oggi, il lettore medio, perché non compra più i giornali? Perché i ragazzi non guardano più la televisione? Queste sono le domande da porsi. Perché una Testata, una Rete, dove ci sono spettatori sempre più anziani, come Rete Quattro, che ha deciso di fare tutta una prima serata d'informazione? Che cosa sta accadendo? Perché "L'Espresso", chiude la versione on line e tiene quella cartacea, nel 2018? Qual è il Mercato vero? Qual è la risposta? Emerge un disorientamento generale. Non c'è più rapporto e mercato fra il giornalismo; mercato inteso nell'accezione più nobile, come la intendiamo noi, che è un prodotto culturale. Oggi, la scuola fa una cosa che si chiama orientamento, ma che possiamo definire puro Marketing, perché devo accaparrarmi gli studenti, perché se non arrivano a un certo numero, mi declassano la scuola; per accaparrarli devo dare un'immagine di un certo tipo. Si genera la corsa verso l'apparire, perché devo dimostrare che sono più bravo degli altri. La qualità della didattica è deficitaria. Sono convintissimo che il tema delle fake news debba passare alla scuola. Oggi i ragazzi non sanno distinguere il vero dal falso. Bisogna fare un lavoro serio per andare a spiegare. Da docente sono fermamente convinto che occorra far un lavoro serio per andare a spiegare. Se non lo fai dalle scuole, le nuove generazioni cresceranno in un mondo contraffatto; per loro, la verità non è quella dell'insegnante, ma quella che leggono su Google. La nostra è una società che ha perso i suoi punti di riferimento, perché ha completamente disatteso quel processo di pedagogia istituzionale, che ci insegnavano da bambini. Perché devo avere rispetto verso la maestra, manca il rispetto per le Istituzioni.

La lunga chiacchierata con Francesco Pira, mi ha indotto a riflettere e a trarre conclusioni amaramente reali. È emerso che la nostra democrazia è attaccata da tutte le parti: la speculazione e il dio denaro, hanno ruoli primari a svantaggio della cultura, della conoscenza e della speculazione. Mi piacerebbe, Professor Pira, che presto io possa intervistarla e i problemi affrontati oggi abbiano risposte positive e concrete.


Archivio

12/11/2018
Fake News - Allarme nel mondo
11/10/2018
Francesco Pira: Tra cattiva informazione e fake news
23/09/2018
La visita di Francesco in Sicilia: per tutti è ora Papa Ciccio
17/09/2018
Papa Francesco, il suo sorriso e la verità silenziosa
29/08/2018
La convinta battaglia dell’avvocato Nicodemo Gentile a favore dei reclusi
24/04/2018
Per favore lasciate in pace Franco Battiato
23/04/2018
Se l’Ostia conscrata arriva con Fratello Drone
22/04/2018
Il nostro vero e unico amico Mark
21/04/2018
Lanciamo la campagna Smartphone adotta un Libro
18/03/2018
Al Sud e in Sicilia è rebus: chissà la mafia per chi avrà votato alle politiche
17/03/2018
Con Netwa su Whatsapp ci possono spiare
06/03/2018
Tra urla, spot e live su Facebook: è finita l’oscena campagna elettorale 2018
06/02/2018
Tempo di Quaresima, digiuno da Whatsapp
05/02/2018
Siamo rovinati su Whatsapp arrivano i videomessaggi veloci
04/02/2018
Se i selfie aiutano a diffondere i pidocchi
03/02/2018
L'anima gemella la trovi con un’App
02/02/2018
Arriva il Direttore della felicità
01/02/2018
Chi di drone ferisce, di drone perisce
31/01/2018
Il trucco diventa virile grazie al web
30/01/2018
Pronta l’auto telepatica. Guideremo con il pensiero
29/01/2018
Anche la chirurgia estetica per i cammelli
28/01/2018
Auschwitz rileggere il passato per educare al rispetto della vita
13/01/2018
Da Carmencita a Cecilia, Galeotto fù il caffe
12/01/2018
Natale 4.0, selfie con l'Albero e Presepi viventi in diretta web
11/01/2018
Copiamo i cinesi: Scanner facciali contro i furti di carta igienica
10/01/2018
Anche sotto la doccia con lo smartphone
09/01/2018
Quelle nonne apocalittiche o integrate
08/01/2018
Connessioni Emotive: bello guardarsi negli occhi
06/11/2017
Quel tatuaggio proprio lì che spopola su Instagram
05/11/2017
Mogol, nessuno come lui sa raccontare l'amore
05/11/2017
Il trionfo di Edoardo Bennato in Sicilia… l’Isola che c’è!!!
29/10/2017
Gli amori che nascono sul web durano di più
28/10/2017
Quel video scabroso finito sul gruppo whatsapp delle mamme
27/10/2017
Guardiamo il display dello smartphone ottanta volte al giorno
11/10/2017
Adesso anche lo smartphone anti-zanzare
10/10/2017
Se i figli geolocalizzano i genitori
09/10/2017
Quella strana voglia di chattare ovunque e comunque
08/10/2017
Quello smartphone onnipresente con noi anche a tavola
07/10/2017
Scuola 3.0: chattare sotto il banco nelle ore di lezione
13/09/2017
Inizia la scuola e riparte l'ossessione dei gruppi Whatsapp delle mamme
05/09/2017
Una App per ascoltare musica dai tatuaggi
04/09/2017
Quello smartphone onnipresente con noi anche a tavola
03/09/2017
In acqua con lo smartphone, si conversa meglio
02/09/2017
Non possiamo vivere senza Whatsapp
01/09/2017
Instagram, chissà se basterà il filtro contro gli insulti
21/07/2017
Ecco perché mi è impossibile dimenticare il giudice Paolo Borsellino
06/07/2017
Chiesa 4.0 La liturgia in un'app
05/07/2017
Fornacella addio, ora il Barbecue ha il termometro digitale wireless
04/07/2017
Quei bambini senza palette e secchielli
03/07/2017
Messaggio inopportuno? Whatsapp te lo fa cancellare
02/07/2017
Se le chewing gum non si vengono per colpa dello smartphone
01/07/2017
Le nostre giornate in diretta social
16/05/2017
Marinano la scuola, fanno sesso per strada e finiscono su Facebook
15/05/2017
Se il Grande Fratello controlla il frigobar
14/05/2017
Telepatia, pensare un post e dettarlo su Facebook
26/04/2017
Licata, il Primario di Ortopedia Dr. Antonino Catanese lascia l’Ospedale: “grazie, sono stato un uomo fortunato”
25/04/2017
Tatuaggio in latino, ci vuole il consulente
19/04/2017
Il campionato di citazioni colte
19/04/2017
Quel messaggio si autodistruggerà
31/03/2017
Il medico licatese dottor Fabio Castiglione è il migliore giovane urologo europeo
30/03/2017
Il campionato di citazioni colte
16/03/2017
L’analisi storico-archeologica di Licata in un prezioso volume del giovane archeologo Alessio Toscano Raffa
15/03/2017
La paura dei tradimenti che nascono su Whatsapp
15/03/2017
I nostri ragazzi maledettamente Social
13/02/2017
Quel dialogo tra sordi con il Bancomat
04/02/2017
La chat delle mamme e di papà e la vetrinizzazione dell’identità
26/01/2017
Se ci fidiamo più di Google, Facebook che del medico
24/01/2017
Quegli audiomessaggi in vernacolo su Whatsapp
10/01/2017
Zygmunt Bauman valori solidi in una società liquida
09/12/2016
Il libro/ Il Capo di Cosa Nostra che amava parlare poco
17/10/2016
Violenza sulle donne, sei gli omicidi sono solo numeri sui media e sui social
03/09/2016
Campagna Fertility day: fare figli è di destra e il profilattico di sinistra
28/07/2016
Le paure, i demoni e la morte che va in scena
28/07/2016
Le paure, i demoni e la morte che va in scena
20/07/2016
Ecco come ricordo il giudice Paolo Borsellino
19/05/2016
Quei selfie sui binari e la rappresentazione social del sé
25/04/2016
Francesco Pira intervistato da ADCOMMUNICATIONS: “Oggi il gossip non ha confini di spazio e di tempo”
19/04/2016
Huffington Post Usa dedica un ampio articolo sul libro Social Gossip di Francesco Pira e Antonia Cava
13/03/2016
Francesco Pira intervistato da IO DONNA: I genitori non hanno la percezione dei pericoli che i figli corrono in rete
24/02/2016
Mamme e bimbi su Facebook, l’allarme della Polizia. Superficialità o esibizionismo?
12/02/2016
Tokio, il tenore Vittorio Terranova nella galleria dei big della musica mondiale all'Hotel Imperial
04/02/2016
Dai cortili agli smartphone il passo è lungo
05/01/2016
Quo vado? Est modus in rebus…
31/12/2015
Il mio ricordo di Sasà Morgana un medico e un rotariano speciale
03/12/2015
Se il terrorismo corre sui social network
03/11/2015
Il mio ricordo di Rosa Balistreri 25 anni dopo la sua morte
05/10/2015
Licata piange la scomparsa dell’avvocato Matteo Lus Granone, uno dei suoi figli migliori
07/09/2015
Se la foto del piccolo Aylan morto sulla spiaggia turca serve per riflettere…
28/08/2015
Genitori disperati: un figlio disabile grave, lei insegnante di ruolo a Milano, lui in Sicilia. Negata l’assegnazione provvisoria
17/08/2015
Vi racconto il mio Battiato
15/08/2015
Gegè Telesforo e gli Urban Fabula incantano il Club Nautico di Gela
29/07/2015
Stessa spiaggia e stesso mare…. ma con tablet e smartphone…
11/05/2015
Oltre la cronaca e i social. La morte per un amore malato
28/04/2015
Dino Zoff, quando incontri una leggenda
11/03/2015
L’amore non è prigioniero della rete…
05/12/2014
Sexting, pornografia minorile. Quella doppia violenza sul web
07/10/2014
Se la rete diventa il luogo del ricordo
01/09/2014
Il video della decapitazione sul web risponde a precisi interessi
26/08/2014
Il sacrificio di Enzo Baldoni
21/08/2014
Un milione di viste in 9 mesi. Un bel parto Tensivamente.it
11/07/2014
Se l’Eni fa le valigie, chi raccoglie i cocci?
12/05/2014
“Isolati si muore”, un magistrato combatte una guerra difficile contro la mafia
08/05/2014
Pizzul e Trap in Brasile per uno spot. Attenti a quei due….divertono
06/05/2014
Buoni esempi, cattivi esempi….
24/04/2014
Se il web ci fa diventare immortali
23/04/2014
Alessio Lo Prete un giovane artista dal gesto “aggressivo e violento”
08/04/2014
Dall’Uomo Windows ai Dementi Digitali
07/04/2014
In libreria “Le Isole Vagabonde” il nuovo racconto di viaggio di Giuseppe Sicari
19/01/2014
E pensare che…la nostra Costituzione…
03/01/2014
In libreria “Lo spostamento dei Cirri” il primo romanzo di Mary Gibilaro La vita vista da un faro tra dolore e amore
15/12/2013
In libreria “Stragi Parallele” il nuovo avvincente romanzo di Angelo Vecchio
20/11/2013
Due giovani artigiani inventano RTW Compact un dispositivo per risparmiare l’acqua calda
10/10/2013
Quei morti di Lampedusa…Il vissuto e il percepito
09/10/2013
Nasce un sito italiano sul Turismo astronomico. A progettarlo e metterlo in rete una siciliana
26/09/2013
Le nuove forme d’amore e il nostro “io nella rete”
27/08/2013
Enzo Baldoni. Un ricordo nove anni dopo l'uccisione
11/08/2013
Una notte sotto le Stelle di Agrigento sognando lo spazio
22/07/2013
Cosa ci lascia la visita di Papa Francesco a Lampedusa
12/07/2013
La nostra estate ipertecnologica
23/06/2013
I Digitali Nativi: alla scoperta dei Super Gufi
03/06/2013
Inquietudini, vizi e tormenti nella vita reale e virtuale
22/05/2013
Servono i social network per vincere le elezioni? Pensiamo di si.
15/03/2013
Papa Francesco, un umile comunicatore
20/01/2013
Elezioni 2013: I social network una realtà, la tv esiste ma è uno dei due schermi dei cittadini-elettori
03/12/2012
Cosa ci lasciano le primarie del PD
07/11/2012
Obama, il grande comunicatore vince anche per merito del web
22/08/2012
La Rete, le nuove o finte rivoluzioni e la crisi della democrazia rappresentattiva
17/07/2012
Alla ricerca del nuovo Napoleone Comunicatore
30/06/2012
Se il pettegolezzo viaggia sulla rete
16/06/2012
Dalla subpolitica all'antipolitica: sul Web protestiamo mentre ci forniscono quello che " ci piace"
22/05/2012
Amministrative e antipolitica: si può vincere o perdere con o senza i social network
06/05/2012
Anche i partigiani siciliani liberarono l'Italia
24/04/2012
La lotta al burocratese...ed i tre tipi di sindaci
14/04/2012
Sogni sullo smartphone? Ma il garante Pizzetti avvisa: sui socialnetwork occhio alla privacy, è a rischio
25/03/2012
Tra strategia e tattica, Napolitano, Monti e…i cittadini stanno a guardare
04/03/2012
Quaresima, il messaggio di Papa Benedetto XVI in quaranta tweet
26/02/2012
W la mamma
21/02/2012
Se Obama giura che la Campagna Elettorale del 2008 sembrerà preistorica
03/02/2012
La solitudine dei bambini: anche Peter Pan ha paura
22/01/2012
L’importanza di parlare ancora di dispersione scolastica e devianze adolescenziali in Sicilia
20/01/2012
Qualcuno affronti anche il pericolo Sexting
15/01/2012
Sono davvero i social network la nuova causa di tanti divorzi?
26/12/2011
Se è la gabbia che va a cercare l'uccello
19/10/2011
Le parole sono importanti
13/10/2011
Perché comunicare la Costituzione
12/10/2011
Le reti, le rivoluzioni e i tam tam planetari e il pensiero di Bauman
02/10/2011
Se il grande comunicatore confessa la sua paura
01/10/2011
Perché ci si può anche non vergognare dell’Italia…
18/09/2011
In sciame come le locuste…e il perché della doppia identità
17/09/2011
Il giornalismo on line...Tanta voglia di crescere…
11/09/2011
Ripartito il campionato. Quanta voglia del vecchio calcio!!!
09/09/2011
La democrazia che nasce sul web
31/08/2011
Riformismo e Rete: come (non) cambiare l'Italia
30/08/2011
Quando muore…un amico
24/08/2011
Tutte le forme d’amore cantate da ventenni…
23/08/2011
Quei cassonetti vuoti in un quadro possono essere buona comunicazione ambientale
03/08/2011
Sapore di sale, sapore di mare…che hai sull’IPad,…che hai sul Nintendo…
01/08/2011
Aldino, il figlio matto di Togliatti
27/07/2011
Ma chi te l’ha ordinato il dottore?
24/07/2011
Relazione aperta o coppia flessibile…
23/07/2011
L’era dell’Assenteismo Virtuale
22/07/2011
L’opposizione bipolare tra la rete e l’io
21/07/2011
I social network ci aiutano a combattere la solitudine…o no?